Suicida in Perù l'asso del poker Alessandro Bastianoni: aveva perso 600mila dollari

Il famoso giocatore di poker è stato trovato morto in un appartamento di Miraflores, quartiere esclusivo di Lima

96557726.jpg


E' stato trovato morto in Perù l'asso del poker Alessandro Bastianoni: aveva 48 anni e negli ultimi mesi aveva partecipato a due tornei nella capitale, Lima. Ma - secondo quanto riportato dalla stampa locale - aveva perso 600mila dollari.

Bastianoni era molto noto nel circuito internazionale del poker: negli ultimi due anni ha partecipato a diversi tornei in Venezuela, Cile, Brasile, Panama, Colombia e Stati Uniti.


E' stata la sua compagna, Yeinni Ospina, che vive in Colombia, a dare il via alle ricerche: Yeinni lo aveva sentito al telefono per l'ultima volta lo scorso 6 luglio, e dopo aver perso ogni sua traccia, è andata in Perù per cercare di ritrovarlo.


La donna si è messa in contatto con l'ambasciata italiana locale e la Direzione di Inchieste Criminali (Dirincri): dopo la denuncia, le autorità peruviane hanno avviato un'inchiesta e, rintracciando il collegamento del cellulare di Bastianoni, sono riuscite a ritrovarlo, ormai senza vita, in un appartamento che aveva affittato in una torre di lusso dell'esclusivo quartiere residenziale di Miraflores.


Yeinni ha raccontato:


"Mi aveva detto che aveva perso molti soldi e nella sua voce si notava una profonda tristezza. Ho cercato di rallegrarlo ma è stato inutile"


Dallo stato in cui il corpo è stato ritrovato, gli esperti della polizia locale hanno stabilito che l'italiano si sarebbe suicidato una decina di giorni fa: vicino al cadavere è stato ritrovato un flacone di cristallo che conteneva residui di una sostanza velenosa sciolta in acqua frizzante, una valigetta con 140 mila dollari in contanti e una lettera nella quale il giocatore chiedeva che i soldi che lasciava fossero usati per pagare la sua cremazione.

Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO