Strage bus Irpinia: si indaga per omicidio plurimo. Pullman revisionato a marzo

Aperta un'inchiesta sull'incidente sulla A16 di domenica 28 luglio. Tutte le ultime novità sulla terribile strage del bus caduto giù dal viadotto.















Il bilancio delle vittime dell'incidente avvenuto ieri sera sulla A16 tra Monteforte Irpino e Baiano sembra per ora essersi fermato a 39 morti, anche se c'è molta apprensione soprattutto per le condizioni di due dei cinque bambini ricoverati all'ospedale Santo Bono di Napoli. Grave anche un uomo di 41 anni che si trova al Cardarelli in rianimazione.


Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio

Il pullman, dopo aver tamponato sei automobili in coda sull'autostrada, provocando 14 feriti tra gli automobilisti, si è schiantato contro un guardrail ed è caduto dal viadotto impattando al suolo dopo un volo di 30 metri. I soccorsi sono stati molto difficile perché il guardrail poteva cadere da un momento all'altro. Hanno fatto molta impressione le immagini dei corpi estratti dalle lamiere senza vita e messi in fila coperti da lenzuola bianche. Immagini strazianti come i pianti dei famigliari che sono accorsi alla palestra della scuola media di Monteforte Irpino dove sono stati portati i corpi per il riconoscimento da parte dei loro cari, alcuni di questi si sono sentiti mali e sono sotto choc.

Sul corpo dell'autista, anch'egli deceduto, sarà eseguita l'autopsia al fine di capire se la causa dell'incidente può essere dato un suo malore. La polizia stradale non ha trovato traccia di frenate. Tra le possibili cause ci sono un guasto ai freni o l'esplosione di una gomma che sarebbe stata vista da una testimone oculare.
Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi ha detto di aver fatto verificare se il pullman era stato sottoposto alla revisione tecnica annuale ed è emerso che l'aveva superata a marzo di quest'anno. Ora il ministro attende una relazione della società Austrade.

I passeggeri che si trovavano sul bus della società Mondotravel erano partiti da Telese Terme, dove avevano trascorso la notte precedente in albergo, ed erano diretti nel napoletano poiché provenivano tutti da paesi come Giugliano, Mugnano di Napoli e Marano. Durante il breve viaggio erano stati anche a Pietralcina, il Paese di Padre Pio. 
Il luogo in cui è avvenuta la tragedia, cioè la parte della A16 dopo il casello di Avellino Ovest, sulla carreggiata in direzione Napoli, non è nuovo a incidenti. È un tratto in discesa e pare che il bus sia arrivato a grande velocità, anche se le segnalazioni invitavano alla prudenza perché c'era un rallentamento del traffico. Dopo il tamponamento il pullman si è trascinato lungo una barriera di cemento finendo fuori strada sul viadotto Acqualonga e poi ha sfondato il guardrail cadendo nella scarpata. 

Occorre dunque chiarire a cosa fosse dovuta la velocità eccessiva del bus in quella parte dell'autostrada. Intanto la procura di Avellino ha aperto un fascicolo per omicidio colposo plurimo e disastro colposo. Sono da verificare, oltre alle condizioni dell'autista con l'autopsia, anche quelle del bus, del segnalamento dei cantieri autostradali, della qualità della barriera di protezione.


Dall'inchiesta emergono già alcuni dettagli: parti del sistema di trasmissione del bus erano cadute a terra già un chilometro prima dell'impatto e il veicolo è arrivato sul luogo dell'incidente, oltre che a forte velocità, anche con la porta anteriore aperta o mancante. Probabile dunque che ci sia stato un contatto in precedenza.


Domani, martedì 30 luglio, a Monteruscello, una frazione di Pozzuoli, ci saranno i funerali delle 39 vittime al Palasport alle ore 9,30. 


Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio Strage bus Irpinia domenica 28 luglio


Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO