Messico: narcos uccidono leader Marina - VIDEO

Una vera e propria imboscata ai danni del vice ammiraglio, che era in auto insieme alla moglie, all'autista e a tre collaboratori.















I narcotrafficanti messicani hanno ucciso in un'imboscata Carlos Miguel Salazar, vice ammiraglio della Marina, uno dei più alti ufficiali messicani. Un attentato che segue di pochi giorni un'altra trappola tesa ai reparti dell'esercito del Paese.


Questa la ricostruzione dell'agguato, avvenuto nella sera di domenica. L'alto ufficiale della Marina era a bordo di un Suv insieme all'autista, la moglie e tre collaboratori. Era diretto a Morelia e stava imboccando l'autostrada. La via però è bloccata da una manifestazione di vigilantes che protestano per la mancanza di sicurezza, così l'auto deve cambiare strada.

Sulla via secondaria, scatta l'imboscata. Il Suv viene centrato da diversi proiettili saparati da ogni lato. Secondo una prima perizia, i trafficanti avrebbero utilizzato anche armi ad alto potenziale. L'ammiraglio e l'autista muoiono subito, le altre persone a bordo rimangono gravemente ferite. Arrivano immediatamente pattuglie della polizia e della Marina, vengono fermate diverse persone perché sospettate di essere legate all'azione.


Le forze dell'ordine vogliono capire se la manifestazione dei vigilantes fosse collegata all'azione. Nella zona sono attivi i Cavalieri Templari, organizzazione criminale travestita da setta religiosa, neanche a dirlo coinvolta nel narcotraffico. L'uccisione dell'ammiraglio assume comunque un significato particolare, visto che quello della Marina è il corpo più efficace nella lotta ai cartelli e gode dell'appoggio totale degli Usa.


marinamessico.jpg


Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO