Concordia Diretta Video: rotazione finita

L'operazione si è conclusa senza intoppi.

a:2:{s:5:"pages";a:5:{i:1;s:0:"";i:2;s:16:"Il falso fondale";i:3;s:15:"Il ribaltamento";i:4;s:24:"Cassoni e galleggiamento";i:5;s:58:"Costa Concordia: video della simulazione di raddrizzamento";}s:7:"content";a:5:{i:1;s:23068:"









brightcove.createExperiences();

Concordia: le immagini della rotazione

Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia

17 settembre 2013, ore 8: è stato un successo. La rotazione della Costa Concordia, il parbuckling project si è concluso senza intoppi, è riuscito perfettamente.

Il direttore dell'operazione, Nick Sloane, è stato celebrato come una star. Lui ha dichiarato, semplicemente:

«Provo sollievo e sono orgoglioso, così come il mio team e sono un po' stanco, mi vado a fare una birra e vado a dormire. Mando un bacio a mia moglie».

Ora il relitto è lì, verticale, accanto all'isola del Giglio, quasi più inquietante di prima. Ma questo è il primo passo, necessario, per portarlo via dall'isola. Non prima della prossima primavera, comunque.

Concordia: la diretta video

21.11: Il ministro dell'Ambiente Andrea Orlando si è recato al Giglio per seguire sul posto lo stato dell'arte del raddrizzamento:

"Non concentrerei l'attenzione su un'ora in più o in meno. E' come un'operazione a cuore aperto, se serve mezz'ora in più è mezz'ora spesa bene."

ha dichiarato il ministro all'Ansa. Orlando ha annunciato che la rotazione del relitto è ora di 16°. Sul risarcimento, come già anticipato questa mattina in un'altra dichiarazione, il ministro rimanda tutto al processo in corso a Grosseto.

20.28: Il relitto della Costa Concordia sarà in piedi entro domani mattina: i lavori, che si perpetreranno per tutta la notte, sarebbero incappati in "ritardi fisiologici" che tuttavia, ha spiegato alla stampa Sergio Girotto, non preoccupano i tecnici e gli ingegneri all'opera.

"Andremo avanti a oltranza per tutta la notte. Le cose procedono come dovevano ma con tempistica dilatata".

ha spiegato invece Franco Gabrielli della Protezione Civile.

Alle 19.30 di questa sera il relitto aveva già effettuato una rotazione di 13°.

17.40: Al raggiungimento dei 20° di rotazione i cassoni raggiungeranno il livello del mare:

A spiegare chiaramente la dinamica rotativa successiva ai 20° ci ha pensato Franco Gabrielli:

"Il nostro momento decisivo resta quello dei 20 gradi, rispetto ai 65 di rotazione complessiva. Quando saremo arrivati a 20 gradi sarà quello il momento in cui interverranno altre forze esterne: i cassoni riempiti d’acqua e la naturale gravità. La nostra tappa intermedia resta questa."

17.09: Secondo quanto riferito dal responsabile del progetto Sergio Girotto la nave sarebbe stata ruotata di 10°. L'operazione, iniziata 7 ore fa, si preannuncia più lunga del previsto: "

La tensione come ci aspettavamo tende a diminuire. Siamo in fase di routine di tiro e verifica. Rimane però altrettanta strada da fare. [...] Il relitto è ora completamente staccato dalle rocce, e la procedura continua in modo regolare."

16.50: In questo momento la nave poggia sul ginocchio (lo spigolo della chiglia); sulla fiancata di dritta (quella rimasta sempre emersa) si notano 11 cassoni che, raggiunto l'angolo giusto, aiuteranno la nave a portarsi in posizione spingendola verso il basso; ciascun cassone pesa oltre 500 tonnelate ed il più grande è alto come un palazzo di 11 piani. Grazie alla rotazione lo scafo, schiacciato dal peso, è tornato quasi alla forma originale.

13.10: la fiancata della nave sarebbe deformata. Secondo Franco Gabrielli l'entità del danno (ed eventuali ulteriori difficoltà) potrà essere valutata solo quando il relitto sarà in posizione verticale:

«Questa deformazione ci conferma come il parbuckling doveva essere fatto quanto prima»

Attualmente il raddrizzamento risulta essere poco oltre i 3°.

12.00: la nave si è staccata dal fondale.

11.00: lo scafo sta emergendo lentamente.









brightcove.createExperiences();

10.40: emissione di acido solfidrico: è possibile nel corso della rotazione. Girotto spiega:

«L'emissione di gas prodotti dalla decomposizione di materiale organico è una possibilità. In ogni caso, abbiamo un controllo costante delle emissioni nell'atmosfera dal quale, al momento, non risulta alcun superamento dei limiti».

10.30: il Ministro dell'Ambiente Andrea Orlando, a operazione di raddrizzamento in corso, dice che ci sono le condizioni per una richiesta danni per il disastro della Concordia:

«L'impatto ambientale lo vedremo quando il relitto sarà rimosso. Il Ministero farà tutti i passi necessari perché questa quantificazione sia completa e integri un'analisi di ciò che è avvenuto nei fondali».

10.10: Ecco anche il Tweet ufficiale, che riprende l'annuncio del sito dedicato al progetto.

Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia

10.00: ci vorranno circa 12 ore, se tutto prosegue come previsto. Sergio Girotto, responsabile del progetto per Micoperi, ha spiegato:

«Ho parlato con Nick: attualmente il tiraggio è di 2 mila tonnellate e tutto funziona bene. Andremo avanti con step di 20 tonnellate fino a 4 mila. L'incremento progressivo ci permette una verifica ad ogni step, per valutare il comportamento dell'angolo e il distacco dallo scoglio. Se vediamo comportamenti inaspettati abbiamo modo di intervenire e correggere»

ore 9:07: anche se il profilo Twitter del Parbuckling Project non si aggiorna, l'operazione è iniziata alle 9.00. I tecnici della Titan-Micoperi spiegano:

«abbiamo completato tutte le verifiche e sono iniziate le operazioni di parbuckling»

16 settembre 2013: è il giorno del parbuckling, della rotazione del relitto della Costa Concordia. L'inizio delle operazioni era previsto per le 6 di questa mattina, ma è slittato causa maltempo.

Dal profilo Twitter ufficiale comunicano che la control room è all'opera e che la rotazione inizierà quando saranno completati tutti i test: non vi sono problemi tecnici. In control room, oltre allo staff, anche il responsabile del progetto, Nick Sloane.

Alle 6.30, Franco Gabrielli, Capo dipartimento della Protezione civile e commissario straordinario dell'emergenza Concordia aveva annunciato:

«Le operazione di parbuckling sono state aggiornate di circa due ore»

precisando subito:

«non c'è nessuna preoccupazione di carattere tecnico».

E' stato il violento temporale che si è abbattuto nottetempo sull'Isola del Giglio a ritardare le operazioni. Franco Porcellacchia ha spiegato:

«Avremmo dovuto posizionare nella notte la chiatta che ospita la control room, ma a causa dei fulmini non sarebbe stato prudente lavorare. Il posizionamento è dunque avvenuto questa mattina».

Rotazione Costa Concordia

Rotazione Costa Concordia

Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia
Rotazione Costa Concordia

Costa Concordia: l'ok per il parbuclinkg

L'atteso ok definitivo è arrivato. Alle 14 di oggi la Protezione Civile ha confermato che salvo imprevisti dell'ultima ora la rotazione della Costa Concordia comincerà domani mattina:

In virtù delle previsioni meteo-marine per la giornata di domani su Isola del Giglio elaborate dal Centro Funzionale Centrale del Dipartimento della Protezione Civile in coordinamento col servizio meteo del centro funzionale decentrato della Regione Toscana presso il consorzio LAMMA, i tecnici del Consorzio Titan/Micoperi hanno confermato la possibilità di effettuare le operazioni nella giornata di domani. Infatti, i parametri attesi di direzione e intensità del vento e di altezza dell’onda significativa sono compatibili con i valori massimi indicati dai calcoli per la fattibilità dell’operazione.

La Protezione Civile ha ribadito anche che tutte le operazioni propedeutiche alla rotazione del relitto sono state completate. La delicata manovra di rotazione dovrebbe cominciare intorno alle 6 del mattino, dopo che l'ultimo traghetto avrà lasciato l'Isola del Giglio.

L'operazione di raddrizzamento della nave dovrebbe durare tra le 10 e le 12 ore.

Recupero del relitto: domani l'ok per lunedì

14 settembre 2013, ore 17.00: sarà dato domani alle 14 l'ok definitivo per la rotazione del relitto della Costa Concordia.

L'operazione avrà il via libera dal Dipartimento di Protezione civile solamente dopo la valutazione delle condizioni meteorologiche.

Per l'evento sono accreditati ben 350 giornalisti, provenienti da tutto il mondo.

Costa Concordia, recupero del relitto: costi e numeri

Costa Concordia: il progetto parbuckling

In attesa della conferma della data (avverrà solamente domani, 15 settembre alle ore 14) dell'inizio dell'operazione di rotazione, ecco i numeri diffusi dal Dipartimento di Protezione Civile.

Uomini: nelle operazioni è impegnato un team di 500 uomini provenienti da 26 nazionalità differenti. Hanno lavorato al progetto 150 società italiane, che hanno fabbricato oltre 30mila tonnellate di acciaio.

Costi: secondo il sito ufficiale, The Parbuckling Project, il budget inizialmente previsto era di 500 milioni di dollari. A lavori avanzati è stato rivisto ed è, attualmente, di 600 milioni di dollari. Una cifra che fa di questa operazione il recupero marino più costoso della storia.

Costa Concordia: cosa succede lunedì 16 settembre 2013

Costa Concordia: i preparativi per il 16 settembre 2013

Costa Concordia, 16 settembre 2013

Costa Concordia, 16 settembre 2013
Costa Concordia, 16 settembre 2013
Costa Concordia, 16 settembre 2013

Costa Concordia: cosa succede lunedì?

Tutto il mondo avrà gli occhi puntati sull'Isola del Giglio, anche se il Capo dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli, ha detto che non sarà uno show.

Come sarà raddrizzato e quindi rimosso, il relitto della nave della Costa Crociere che è naufragato il 13 gennaio 2012?

Ecco le varie fasi di avvicinamento all'operazione del 16 settembre.

Stabilizzazione e sistemi di ritenuta

Costa Concordia, 16 settembre 2013

La stabilizzazione è avvenuta fra il mese di maggio e il mese di novembre 2012.
Sono state installate 12 torrette di ritenuta, con 2 martinetti idraulici per torretta dai quali partono 24 catene che passano sotto allo scafo e si agganciano al lato del relitto che va verso il mare.
L'operazione è stata realizzata per evitare ulteriori sprofondamenti del relitto.

";i:2;s:670:"

Il falso fondale

Costa Concordia, 16 settembre 2013

Fra novembre 2012 e agosto 2013 è stato creato un fondale per il relitto. E' stata realizzata una piattaforma di supporto con sacchi riempiti di cemento, che hanno creato una sorta di appoggio per la Concordia. A questa struttura è stata fissata una serie di 6 piattaforme che dovranno garantire l'appoggio al relitto una volta che verrà posto in posizione verticale.

";i:3;s:523:"

Il ribaltamento

Costa Concordia, 16 settembre 2013

Si comincia all'alba del 16 settembre, se le condizioni meteo sono favorevoli. E l'operazione dovrebbe durare alcuni giorni. La rotazione completa deve essere di 65°, il movimento dovrà essere lento e fluido e controllato.

";i:4;s:879:"

Cassoni e galleggiamento

Costa Concordia, 16 settembre 2013

Altri cassoni verranno posti sul lato sinistro della nave raddrizzata.

Svuotati dall'acqua attraverso pompe idrauliche, favoriranno il nuovo galleggiamento del relitto, che rimarrà nei pressi dell'Isola del Giglio, fino a gennaio.

Costa Concordia, 16 settembre 2013

A quel punto, sarà rimorchiato in un porto per essere demolito.

";i:5;s:679:"

Costa Concordia: video della simulazione di raddrizzamento










brightcove.createExperiences();

";}}

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO