Afghanistan: crollo in miniera, almeno 27 morti

Secondo i funzionari del governo locale, per l'esattezza dovrebbero essere 40 o 50 i lavoratori della miniera rimasti tra le macerie

In Afghanistan

Ci sono almeno 27 morti per il crollo che è avvenuto all'interno di una miniera di carbone nella provincia settentrionale di Samagan, in Afghanistan. Lo scrive il quotidiano online Khaama Press. I soccorritori sono riusciti a riportare in superficie una quindicina di minatori, ma si teme che decine di altre persone possano essere rimaste intrappolate sotto terra.

Secondo i funzionari del governo locale, per l'esattezza dovrebbero essere 40 o 50 i lavoratori della miniera rimasti tra le macerie: il bilancio rischia dunque di aggravarsi. Aziz Sediqi, portavoce del governatore provinciale, ha spiegato che a causare il crollo dovrebbe essere stato un corto circuito. Purtroppo, i soccorritori hanno fatto sapere di non essere riusciti a mettersi in contatto con i minatori che tuttora sono sotto terra.

L'incidente si è verificato nel distretto di Ruyi Du Ab, una delle parti più sicure del Paese dal punto di vista delle violenze legate ai gruppi islamici. Un ufficiale di polizia ha raccontato che più di mille abitanti dell'area si sono raccolti nei pressi della miniera, aiutando nei soccorsi e utilizzando anche pale per tentare di lavorare i lavoratori ancora sepolti.

Una vera propria corsa di solidarietà, ma anche contro il tempo. Per cercare di salvare quante più vite possibili. Questa dunque la dinamica dell'accaduto: il corto circuito - come spiegato dal portavoce del governo - ha causato un incendio all'interno della miniera; a quel punto, una parte della struttura ha ceduto, senza lasciare scampo a chi era al lavoro in quel punto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO