Tifone in Giappone: 300 mila persone evacuate

C'è preoccupazione per la sicurezza della centrale nucleare di Fukushima, che si trova proprio sulla strada del violento tifone.

E' il più violento della stagione

Piogge torrenziali e venti che soffiano fino a 160 chilometri orari. è il tifone Man-yi, che sta attraversando il sud del Giappone e ha costretto le autorità a evacuare 300 mila persone, invitate a lasciare al più presto le case. Secondo i media locali, ci sono già quattro dispersi e 65 feriti. Al momento, fortunatamente, non si contano vittime, anche se qualche tv locale parla anche di morti.

C'è preoccupazione per la sicurezza della centrale nucleare di Fukushima, che si trova proprio sulla strada del violento tifone. I lavoratori dell'impianto da ieri si preparano ad affronta la tempesta tropicale. In particolare, sono aumentati i controlli per evitare che l'acqua contaminata possa finire all'esterno, come già successo recentemente.

La Japan Meteorological Agency già da diversi giorni aveva lanciato l'allarme meteo per piogge e venti "senza precedenti", soprattutto nelle province di Kyoto e Osaka. Questo è il 18esimo tifone che si abbatte sul Giappone in questa stagione, ma è sicuramente il più violento. Nell'est del Paese asiatico sono previste trombe d'aria e d'acqua. A Tokyo il picco del maltempo è previsto per oggi a mezzogiorno.

Come detto, a Fukushima il tifone dovrebbe arrivare nel primo pomeriggio, Le aziende di trasporto ferroviarie e le compagnie aree hanno già annunciato una riduzione dei collegamenti. Aichi, nel centro sud di Honsu, la principale isola giapponese, è stata già investita dal vento e dalla pioggia. E i danni alle infrastrutture sarebbero moltissimi, secondo le prime informazioni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO