Acapulco: alluvioni devastanti, 2mila turisti evacuati

I morti sono 57, il governo ha consigliato a 40mila persone di lasciare il Messico.

La città turistica è inagibile

Manuel e Ingrid, rispettivamente tormenta tropicale e uragano, stanno sfogando tutta la loro forza sul Messico, mettendo in ginocchio il Paese e facendo almeno 57 morti. Anche Acapulco, perla dello Stato centroamericano, è devastata dalle potenti piogge. Il governo è stato costretto a mettere a disposizione 15 aerei privati (della polizia federale e dell'aviazione) per evacuare almeno 2mila turisti.

In totale, sono 40mila i visitatori a cui il governo messicano ha consigliato di lasciare il Paese. Ad Acapulco, i distretti sono quasi tutti allagati, ristoranti e negozi sono inagibili. E' impossibile circolare per le strade. A Punta Diamante, la zona degli alberghi, l'acqua ha raggiunto i tre metri d'altezza e si segnalano anche saccheggi. Il presidente Enrique Pena Meto per il secondo giorno consecutivo si è recato nello stato meridionale di Guerrero per monitorare la situazione e vigilare sui soccorsi. In questa zona, le piogge hanno ucciso 34 persone.

Oltre alle inondazioni, killer particolarmente feroci in Messico in queste ore sono le frane. Come ha segnalato l'emittente Televisa. Fortunatamente, Ingrid e Manuel se ne stanno andando a braccetto, così come sono arrivati quattro giorni fa - uno dal Golfo del Messico, l'altra dal Pacifico. La situazione è però di assoluta emergenza pure nell'est del Paese, nello Stato di Veracruz.

Il ponte aereo per Mexico City opera adesso direttamente dalla pista dello scalo internazionale di Acapulco. Le tempeste di pioggia e vento hanno infatti messo ko le torri di controllo e il terminal passeggeri non è agibile perché è totalmente inondato. Il Messico non ricordava una situazione del genere, una situazione molto particolare in cui due tempeste hanno toccato terra negli stessi giorni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO