Kenya, strage di Nairobi. I terroristi accusano la polizia: ha fatto 137 vittime

In corso l'assalto delle forze militari nel centro commerciale, tra i terroristi cittadini statunitensi e britannici.


25 settembre Il gruppo islamico Shaab, responsabile dell'assalto al Westgate Mall di Nairobi, con un tweet ha accusato la polizia kenyota di aver ucciso 137 ostaggi durante l'assedio conclusosi ieri e di aver usato agenti chimici. Inoltre la polizia avrebbe provocato il crollo dell'edificio, "seppellendo le prove e tutti gli ostaggi sotto le macerie". La cifra è notevolmente in contrasto con la versione ufficiale del governo, che parla di 67 vittime.
Intanto le autorità hanno fermato un cittadino britannico di origini somale, sospettato di essere tra gli organizzatori dell'attacco.

14.44 Finito l'assedio al centro commerciale di Nairobi. L'operazione lanciata dalle forze kenyote al Westgate Mall, da sabato sotto assedio dei miliziani Shabaab, si è concluso. A riferirlo è la Bbc. Poco prima il ministero dell'Interno aveva fatto sapere che tre soldati erano morti in seguito alle ferite riportate per liberare il centro commerciale. Il numero delle vittime accertate dall'inizio dell'assedio sale così a 65.

8:30 Contrariamente a quanto si credeva, ci sono ancora terroristi asserragliati ai piani alti del complesso commerciale. Probabilmente si tratta di un paio di soggetti al massimo, che si sono rifugiati in un casinò per sfuggire alle forze speciali. Questa mattina si sono udite raffiche di mitra.

Nel frattempo emergono nuovi particolari sulle identità del gruppo che ha assaltato il Westgate: il ministro degli esteri kenyano ha detto che del commando facevano parte certamente una cittadina britannica e almeno due statunitensi, quasi certamente di origine somala.

23 settembre, la polizia controlla il centro commerciale

23:30 Le autorità hanno annunciato che tutti gli ostaggi sono stati libertati e che il centro commerciale è stato "bonificato".

17:30 Anche se il blitz è quasi giunto al termine, continuano i combattimenti all'interno del Westgate Mall in cerca dei terroristi. Altri tre jihadisti sono stati uccisi dalle forze dell'ordine. Ecco una galleria fotografica di quanto accaduto oggi.

Nairobi: strage al Westgate Mall

Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
Nairobi: strage al Westgate Mall
17:00 Le forze dell'ordine hanno ripreso il controllo del Westgate Mall. Lo annuncia su Twitter il ministro degli interni kenyano.

16:20 Il blitz delle forze armate è quasi terminato. La polizia è riuscita a prendere possesso di buona parte del centro commerciale e prosegue la caccia ai terroristi ancora nascosti, mentre nel resto del paese continua la ricerca di complici. Ancora nessuna notizia degli ostaggi, mentre il conto dei morti ammonta a 62 vittime secondo le autorità e 69 secondo la Croce rossa.

13:40 Mentre prosegue l'assalto delle forze dell'ordine all'interno del centro commerciale, le autorità fanno sapere che due terroristi sono stati uccisi, e che il commando è formato unicamente da uomini. Il conto ufficiale delle vittime sarebbe di 62 morti. Attualmente le forze dell'ordine avrebbero il controllo dell'intero centro commerciale, ma molti terroristi sono ancora nascosti.

13:15 Secondo SkyNews i terroristi si sono fatti saltare in aria all'interno del centro commerciale di Nairobi. Intanto, il capo della polizia kenyota ha annunciato il salvataggio di altri ostaggi.

12:45 Si sentono nuove esplosioni nel Westgate Mall, e una colonna di fumo si è alzata dall'interno del centro commerciale. Secondo i media locali, è in corso una battaglia e i mezzi dell'esercito si stanno avvicinando. L'improvvisa escalation militare fa pensare che si sia vicini a un'irruzione, anche se l'ipotesi metterebbe a rischio la vita degli ostaggi.

Ore 12:20 La Croce Rossa kenyota aggiorna il bilancio dei morti, che sarebbe salito a 69. Finora sono state ricoverate 175 persone ferite nell'assalto. Rimangono però disperse 63 persone, nonostante il numero degli ostaggi sicuramente ancora in mano ai terroristi ammonti a 10-15 persone, ma il numero è senza dubbio più alto. Intanto nelle ultime ore le forze armate hanno sferrato un nuovo attacco per cercare di liberare gli ostaggi.











brightcove.createExperiences();


10:30 Un video Associated Press mostra i primi istanti dell'assalto dei jihadisti al centro commerciale Westgate di Nairobi. Si tratta di un video amatoriale girato all'inizio dell'attacco che finora ha causato 68 vittime. Si sentono in sottofondo degli spari regolari, forse esecuzioni.

Lunedì 23 settembre ore 9:15 I portevoce somali dei miliziani jiadisti di Al Shaarab hanno fatto sapere che i loro compagni asserragliati nel centro commerciale di Nairobi hanno "ricevuto l'autorizzazione" a giustiziare tutti gli ostaggi se le forze armate proseguiranno l'assedio.

Kenya, strage di Nairobi: 68 vittime, c'è anche un italiano



Ore 21:21

Sale a 68 il bilancio delle vittime dell'attentato, ma, secondo la Croce Rossa, il bilnacio è destinato ad aumentare: 10 persone mancano ancora all'appello.

Ore 19:43 Una forte esplosione è stata sentita nei pressi del Westgate. Secondo fonti locali, sarebbe in corso un blitz per riuscire a sbloccare la situazione all’interno del centro commerciale preso d’assalto ieri: secondo i media kenioti sarebbero entrate in azione le teste di cuoio keniane, aiutate da esperti statunitensi, israeliani e britannici. Il bilancio provvisorio resta di 59 morti e 200 feriti. La Croce Rossa ha riferito che mancano attualmente all’appello 49 persone. Fonti ufficiali israeliane negano la presenza di propri militari nelle operazioni di salvataggio degli ostaggi. Nel centro commerciale sono numerose le attività gestite da israeliani, fra cui quattro ristoranti.

Ore 16:58 C’è una vittima italiana nella strage di Nairobi del Westgate. Si chiamava Mohamed Yassin Hersi ed era residente a Torino. Sua moglie Marian era in attesa di un bambino. La coppia ha tentato di nascondersi tra i banconi del supermercato Nakumatt, situato all’interno dello shopping centre. L’uomo è stato ucciso sul colpo, mentre la moglie è riuscita a scappare ed è stata tratta in salvo da un altro cliente europeo dello stesso negozio.

Ore 14:14 Le forze di sicurezza keniote sono in situazione di stallo. E il numero delle vittime accertate continua a crescere: l’ultimo aggiornamento proveniente da Nairobi conferma 59 vittime fra gli ostaggi. Sono state circa mille, invece, le persone evacuate o che sono riuscite a fuggire da Westgate. Le forse dell’ordine penano che il commando degli aggressori sia composta da 10-15 unità.

Ore 11:05 In un primo momento si era ipotizzato che la strage fosse nata da un tentativo di rapina andato male, ma una rivendicazione dei terroristi di Shabaab su Twitter ha rivendicato la natura “politica” dell’assalto. L’azione del gruppo terroristico sarebbe una sorta di punizione nei confronti del Kenya per i suoi interventi militari in Somalia. Da ieri sera, all’interno del supermercato Nakumatt sono state prese in ostaggio 36 persone e solo cinque di queste sono state liberate. Resta comunque ignoto il numero totale degli ostaggi all’interno della struttura.

Il primo ministro canadese Stephen Harper, dopo aver ufficializzato la notizia del decesso della diplomatica Annemarie Desgloges ha dichiarato che il personale canadese presente a Nairobi fornirà tutto l’appoggio affinché gli autori dell’attacco vengano consegnati alla giustizia.

Ore 10:42 Sale a 43 morti e 200 feriti il bilancio provvisorio dell’attacco del gruppo islamico al Shabaab al centro commerciale Westgate Mall.

La battaglia fra i terroristi e le forze speciali keniote è proseguita durante la notte. Attualmente decine di persone sono ancora ostaggio del commando di Shabaab. Fra le vittime sono segnalati un cittadino somalo sposato con un’italiana, due cittadini francesi e due candesi, fra cui una diplomatica. Sono stati risparmiati i musulmani ai quali è stato consentito di abbandonare il centro commerciale.

Intanto la Farnesina ha confermato che gli italiani presenti al Westgate sono al sicuro e nessuno di loro ha riportato ferite. L’assalto è stato rivendicati dal gruppo Shabaab, facente parte del network Al-Qaeda. Il commando ha risparmiato tutti i musulmani ai quali ha consentito di abbandonare il centro commerciale.


Kenya, strage in un centro commerciale di Nairobi: 39 morti e 150 feriti, Al-Shabab rivendica l'attentato


Sabato 22 settembre, 22.27

- Uhuru Muigai Kenyatta, presidente del Kenya, ha parlato pubblicamente alla nazione aggiornando il triste bilancio dell'attentato: al momento risultano 39 morti, 9 in più rispetto alle ultime stime della Croce Rossa, e almeno 150 feriti, di cui alcuni in modo grave. Tra le persone rimaste uccise ci sarebbero anche alcuni membri della famiglia del Presidente.

21.45 - I terroristi sono ancora barricati all'interno del centro commerciale. L'assedio dura ormai da più di 10 ore, ma questo non sembra intaccare in alcun modo la loro resistenza. Lo stanno facendo in nome di Allah e da ore stanno respingendo ogni tentativo di negoziazione con le autorità.


 

20.52 - Nuove immagini diffuse online mostrano i soccorritori all'opera:

20.48 - Il gruppo Al-Shabab si dimostra molto prolifico su Twitter e spiega che durante l'attacco iniziato diverse ore fa e ancora in corso nessun musulmano è rimasto ucciso. I musulmani presenti sul posto all'arrivo degli attentatori sono stati scortati fuori dai mujahideen. Le uniche vittime, scrivono, sono gli infedeli. L'ultimo tweet risale a pochi minuti fa:


 

I terroristi ancora presenti all'interno del centro commerciale non hanno nessuna intenzione di arrendersi o di negoziare in alcun modo con le forze dell'ordine. Il messaggio è chiaro: non ci sarà alcuna negoziazione.

20.18 - La conferma della rivendicazione dell'attentato da parte del gruppo somalo Al-Shabab è arrivata via Twitter con una serie di dichiarazioni che lasciano poco spazio all'immaginazione:

L'attacco al #WestgateMall è soltanto una frazione di quello che i musulmani in Somalia sperimentano per mano degli invasori kenioti.

O, ancora:

Il messaggio che stiamo mandando al governo del Kenya e al pubblico è ed è sempre stato soltanto uno: ritirate tutte le forze militari dal nostro Paese.


 


 


 

20.00 - Sembra che il gruppo insurrezionalista islamista somalo Al Shabaab abbia confermato ad Al-Jazeera di essere responsabile dell'attentato di oggi nel centro commerciale. Il motivo di tanta brutalità sarebbe da ricercare nel ruolo ricoperto dal Kenya nell'occupazione della Somalia.

Secondo altri fonti Al Shabaab non avrebbe rivendicato l'attentato, ma proprio stamattina avrebbe intimato al Kenya di ritirare le proprie truppe dalla Somalia per evitare "gravi conseguenze".

19.20 - I banditi sono ancora chiusi nel centro commerciale e gli spari continuano. Le forze dell'ordine stanno facendo uscire lentamente le varie persone intrappolate nella struttura, nascoste nei vari negozi da una parte all'altra del grande centro.

18.40 - Le autorità hanno corretto il tiro: una parte del centro commerciale può considerarsi sicuro. Gli attentatori rimasti all'interno sono stati isolati in un'ala della struttura e sembra che non ci siano più persone tenute in ostaggio. La situazione è sotto controllo, resterebbe soltanto da arrestare i banditi.

18.32 - i dettagli arrivano col contagocce, ma stando alle dichiarazioni ufficiali del governo locale la situazione sarebbe sotto controllo: il Ministero dell'Interno ha rilasciato una comunicazione in cui ha rivelato che il centro commerciale può ora considerarsi sicuro, anche se le immagini che arrivano in diretta sembrano mostrare il contrario.

Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi
Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi
Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi
Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi

18.12 - Uno degli assalitori sarebbe stato ferito in un conflitto a fuoco con le forze dell'ordine e tratto in arresto. Mancano ancora conferme ufficiali.

18.10 - Alcune delle vittime, fanno sapere fonti locali, sarebbero state uccise fuori dal centro commerciale. I killer avrebbero cominciato a sparare prima di entrare nella struttura e avrebbero proseguito una volta all'interno.


 

17.50 - mancano ancora conferme ufficiali, ma le autorità locali sono convinte che si tratta di un agguato terroristico e stanno trattando la questione come tale.

17.40 - La Farnesina ha confermato che tutti gli italiani presenti nel centro commerciale al momento della strage sono salvi. Tra questi c'era anche una suora missionaria laica di Cirò Marina, in Calabria, Rita Caparra, che si trovava nella struttura insieme a una rappresentante dell'ambasciata italiana.

17.03 - secondo le ultime indiscrezioni sembra che i due italiani rimasti all'interno dell'edificio sarebbero stati tratti in salvo.

16.38 - Channel4 ha appena pubblicato un video girato all'interno del centro commerciale pochi minuti dopo l'inizio della sparatoria:

16.25 - La Croce Rossa ha aggiornato il bilancio: si parla di almeno 20 morti. L'asserragliamento dei banditi prosegue e con esso anche gli spari all'interno del centro commerciale. Le forze dell'ordine si trovano ancora all'esterno dell'edificio e non sono certi di cosa stia accadendo all'interno.

15.50 - continua ad aggravarsi il bilancio della sparatoria. Al momento, secondo la Croce Rossa del Keynia, i morti sarebbero almeno 15 e il numero sarebbe destinato a crescere. La polizia locale e un portavoce della sicurezza del centro commerciale hanno intanto confermato la presenza di ostaggi:

Ci sono sette ostaggi, lo posso confermare.

Sembra confermato anche che il gruppo di banditi avrebbe giustiziato alcuni clienti del centro commerciale, facendo sfumare l'ipotesi che l'episodio sia legato a un tentativo di rapina. I criminali, secondo fonti locali, sarebbero stranieri.

Tra le persone ancora in ostaggio dei banditi, o comunque intrappolate all'interno del centro commerciale, ci sarebbero anche due nostri connazionali. Altri sei, invece, sarebbero riusciti a mettersi in salvo. A riferirlo è la Farnesina, che continua a monitorare la delicata situazione grazie alla collaborazione dell'ambasciata italiana a Nairobi.

Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi
Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi
Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi
Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi

14.50 - Mancano ancora le conferme ufficiali, ma il numero dei morti nella sparatoria di oggi nel centro commerciale Westgate sarebbe salito a 9. O almeno è quello che rivelano fonti locali, mentre per le forze di polizia il numero sarebbe fermo a 6, due in più di quanto emerso in un primo momenti. Sembra invece certo che i banditi avrebbero preso in ostaggio almeno sette persone. Al momento non si esclude alcuna ipotesi sul motivo dall'agguato, dalla semplice rapina a un atto di terrorismo.

Le forze dell'ordine hanno isolato la zona e circondato l'edificio, mentre i criminali restano asserragliati all'interno.

Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi
Kenya, strage in centro commerciale a Nairobi

13.30 - E' di almeno 4 morti e diversi feriti non ancora confermati il bilancio provvisorio di una sparatoria avvenuta poche ore fa in un centro commerciale di lusso a Nairobi, in Kenya.

Secondo quanto ricostruito finora grazie anche alla testimonianza delle persone presenti in quel momento nella struttura, alcuni uomini armati avrebbero fatto irruzione nel centro commerciale nel distretto di Westland lanciando almeno tre granate e aprendo il fuoco.

Non è chiaro se la banda armata avesse intenzione di rapinare un negozio, come riferito dal capo della polizia locale Benson Kibue o se si sia trattato di un atto terroristico, quello che è certo è che la situazione è tutt'altro che rientrata: le forze dell'ordine non sono ancora riuscite ad entrare e sembra che i banditi si trovino ancora all'interno dell'edificio.

Non si esclude che il gruppetto di criminali abbia preso in ostaggio qualche persona nel tentativo di riuscire a sfuggire all'intervento delle autorità. La situazione è ancora in divenire e stando alle ultime indiscrezioni tra i feriti ci sarebbero anche diversi bambini.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO