Incidente aereo Missoni: identificato i resti della moglie

Identificati anche il pilota e il copilota del velivolo che viaggiava verso Los Roques lo scorso 4 gennaio.

Procuratore generale venezuelano

Sono stati identificati resti di Maurizia Castiglioni, la moglie di Vittorio Missoni. I due erano insieme sull'aereo diretto a Los Roques, in Venezuela, e precipitato in mare lo scorso 4 gennaio. La conferma è arrivata dal procuratore generale della magistratura venezuelana, Luisa Ortega Diaz. Identificati anche i resti del pilota e del copilota.

Luisa Daniel Ortega, in conferenza stampa, ha spiegato che "restano ancora delle ossa da analizzare". Con tutta probabilità appartenenti agli altri due passeggeri, tra cui l'erede della famiglia Missoni. L'aereo, spezzato in più parti, è stato ritrovato nello scorso mese di giugno a 70 metri di profondità, con la matricola però ancora leggibile. Grazie a questo dettaglio si è risaliti al velivolo che era partito da Caracas e che non è mai arrivato a destinazione.

I media venezuelani hanno dato grandissimo risalto alla notizia. Secondo quanto dichiarato dal procuratore generale, sono 19 i campioni biologici raccolti nel mese di ottobre: dieci corrispondono al pilota dell'aereo, Hernan Marchan, due a Maurizia Castiglioni, due al copilota Juan Carlos Ferrer. I resti scheletrici sono invece ancora da analizzare, ma dovrebbero appartenere ad altre due persone.

Il procuratore ha annunciato infine che, tra il 17 e il 23 novembre, inizierà il lavoro per recuperare il relitto dell'aereo. Soltanto dopo che saranno stati completamente recuperati i resti trovati nella fusoliera del velivolo e quando sarà stata completata l'identificazione delle vittime. A quel punto, i resti saranno riconsegnati alle famiglie.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO