Terremoto Giappone: 10 novembre 2013, trema anche Tokyo

La scossa non ha provocato danni, ma è stata molto lunga e ha fatto oscillare i palazzi della capitale.

Scossa avvertita anche a Tokyo

I palazzi di Tokyo hanno ondeggiato, spaventando gli abitanti. In Giappone, alle 7.38 locali (le 23.38 di ieri in Italia), è stata distintamente avvertita una scossa di terremoto di magnitudo 5.5, con epicentro poco a nord della capitale. La Japan Meteorological Agency non ha comunque lanciato alcun allarme tsunami.

L'epicentro è stato localizzato cento chilometri a nord di Tokyo, nella parte meridionale della vicina prefettura di Ibaraki. L'ipocentro è stato individuato a 70 chilometri di profondità. La scossa è stata lunga: più di un minuto. Sulla scala nipponica di rivelazione dei terremoti è stata di intensità cinque su un massimo di sette. La tv pubblica Nhk ha seguito in diretta, con un'edizione straordinaria, il terremoto.

I treni si sono fermati o hanno comunque rallentato, nel rispetto delle procedure di sicurezza. Gli scali aerei di Narita e di Haneda hanno continuato a lavorare senza intoppi. Come si può capire, è stata più la paura per la lunghezza della scossa che l'intensità. Al momento, non si segnalano danni a persone o cose, includendo pure la centrale nucleare di Fukushima. Distante meno di 200 chilometri dall'epicentro del sisma.

Anche due settimane fa Tokyo aveva tremato. In quell'occasione l'epicentro era stato localizzato nell'Oceano Pacifico, a una profondità di dieci chilometri e a 300 chilometri a est della città costiera di Ishinomashi. Inizialmente, si era temuta un'onda anomala e ai cittadini in prossimità del mare era stato chiesto di allontanarsi. Il maremoto, con il passare delle ore, si era poi ridimensionato.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO