Iraq: serie di attentati, già 24 morti

Almeno sette le esplosioni che hanno colpito Bagdad: dai mercati all'aperto ai quartieri commerciali.

Ciò che rimane di una autobomba

Una serie impressionante di attentati ha colpito questa mattina Bagdad, capitale dell'Iraq. Lo ha reso noto un responsabile del ministero dell'Interno e lo ha confermato successivamente anche la polizia irachena. Almeno sette le esplosioni, avvenute nelle zone a maggioranza sciita e nel quartiere sunnita di Azamiyah. Nessun attacco - sei avvenuti con autobombe - è stato finora rivendicato.

Le forze di polizia hanno imposto rigidissime misure di sicurezza dopo gli attentati. Vietato avvicinarsi anche a fotografi e cameramen che volevano riprendere le prime immagini della strage. Colpito duramente anche il quartiere commerciale di Karrada, nel centro di Bagdad, quello di Chaab e quello di Sadriyah, uno dei più antichi della capitale. Il bilancio provvisorio è di 24 morti e 65 feriti.

Le violenze settarie sono in aumento in Iraq. Il modo scelto dalle parti in causa per preparare le prime elezioni politiche degli ultimi quattro anni, il più sanguinoso. Secondo dati delle Nazioni Unite, da gennaio nel Paese si conterebbero oltre settemila vittime. Tutte le notizie sugli attentati di questa mattina sono state date a condizione di anonimato. Le fonti, infatti, non sono state autorizzate e rilasciare dichiarazioni.

Un altro segnale di quanto sia alta la tensione questa mattina. Anche perché gli obiettivi scelti per le autobombe sono per lo più mercati all'aperto o zone commerciali. Insomma, si colpisce per uccidere più civili possibili. Una guerra sporca.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO