Siria: bombardamenti ad Aleppo, bilancio sale a 40 morti

Le bombe a forma di barile arrivano dal cielo, distruggendo gli edifici di due sobborghi della città. E' l'offensiva dei sostenitori del regime.

Almeno 40 morti

Il bilancio delle vittime sale a 40 per i bombardamenti nel nord della Siria, vicino ad Aleppo. Tra i morti ci sono pure donne e bambini. Sono le forze fedeli al presidente Bashar al Assad che stanno bombardando dal cielo senza sosta i sobborghi orientali di Aleppo. Attivisti di al Bab e Tadef, le due località interessate dagli attacchi aerei, riferiscono di una quarantina di vittime, ancora non tutte già identificate.

I corpi sono stati recuperati sotto le macerie degli edifici colpiti da barili - bomba sganciati dagli elicotteri dei lealisti. Quattro minori e sei donne fanno parte, purtroppo, dell'elenco dei morti. La situazione, in Siria, continua a essere drammatica. Il gruppo Jabhat al-Nusra, legato ad al Qaeda, ha fatto sapere di aver preso il controllo del campo petrolifero di al-Omar, nella provincia orientale di Deir el-Zour, vicino al confine con l'Iraq.

La notizia è stata divulgata dall'Osservatorio siriano per i diritti umani. La conquista del campo è arrivata dopo i combattimenti avvenuti nella notte contro le truppe governative. Il gruppo Jabhat al-Nusra lotta infatti al fianco dei ribelli. Il governo di Damasco, al momento, non ha ancora confermato questa notizia che darebbe un impulso notevole agli oppositori del regime.

Prima che iniziasse la guerra civile, infatti, le rendite provenienti dal petrolio fornivano circa un quarto dei finanziamento per il bilancio del governo. Da quando le proteste contro Assad sono diventate una guerra senza quartiere, le esportazioni si sono praticamente azzerate e il governo è stato costretto a importare carburanti raffinati.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO