Mosca, arrestati 15 presunti jihadisti

A poche settimane dall’inizio delle Olimpiadi di Sochi crescono i timori degli attentati terroristici

Qualche mese fa su Polisblog, vi avevamo parlato dei timori di Valdimir Putin in vista dell’appuntamento olimpico di Sochi 2014 e della sua posizione nel braccio di ferro della guerra civile siriana. Ora dal Ministero dell’Interno russo arriva la notizia dell’arresto di 15 presunti membri del movimento islamico jihadista Takfir Wal – Hijra che sono stati trovati con armi ed esplosivi nei propri appartamenti.

Nel corso di un’operazione svoltasi nella notte, gli agenti della polizia russa hanno arrestato 14 estremisti islamici e hanno confiscato loro tre ordigni esplosivi. Un altro membro è stato arrestato in un altro indirizzo. Non sono stati forniti ulteriori dettagli.

Tafkir Wal Hijra è stata costituita in Egitto nel 1970 e si pensa che il gruppo abbia diverse cellule legate ad Al Qaeda in più paesi. Il gruppo è stato bandito in Russia sin dal 2010. Secondo l’agenzia di stampa russa Ria Novosti le attività del gruppo sono state individuate circa cinque anni fa, in alcune ex repubbliche sovietiche come l’Ucraina. Non è ancora stato chiarito se i membri di Tafkir Wal Hijra avessero legami effettivi con l’organizzazione originaria egiziana o ne avessero solamente assunto il nome.

In Russia lo stato di allerta in vista dei Giochi Olimpici Invernali resta altissimo. Le Olimpiadi inizieranno il prossimo 7 febbraio a Sochi, nel mar Nero e, dunque, non lontano dal Caucaso del Nord una delle zone più calde della Russia.

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO