Bologna, si diede fuoco davanti all’ufficio tributi: Equitalia chiede 60 mila euro alla vedova

Lo scorso 25 ottobre la donna si è vista recapitare a casa una cartella di Equitalia con un maxi bollettino postale da 60 mila euro.

Quasi due anni fa, il 28 marzo 2012, perse il marito, morto suicida perchè impossibilitato a pagare i debiti accumulati, e ora si ritrova tra le mani una cartella di Equitalia da 60 mila euro.

Sembra incredibile, eppure è quello che è accaduto a Tiziana Marrone, 50 anni, vedova di Giuseppe Campaniello, l’artigiano che si diede fuoco alla sede dell’Agenzia delle Entrate di Bologna. L’uomo morì pochi giorni dopo all’ospedale Maggiore e Attilio Befera, il direttore dell’Agenzia, in seguito a quel tragico evento aveva assicurato che si sarebbe occupato del caso:

Siamo estremamente dispiaciuti. Seguiremo attentamente questa situazione per non creare ulteriori problemi.

Così non è stato e lo scorso 25 ottobre la donna si è vista recapitare a casa una cartella di Equitalia con un maxibollettino postale da 60 mila euro, un cumulo di Irpef, Iva, addizionali regionali e imposte sulle attività produttive relative al triennio 2005-07, ereditate da Tiziana Marrone in virtù della comunione dei beni con suo marito.

Di fronte a tanta mancanza di tatto e all’impossibilità di far fronte ai debiti accumulati dal defunto consorte, Tiziana ha deciso di far sentire la propria voce e di rivolgersi direttamente al Presidente della Repubblica, a vari politici e anche a Papa Francesco:

Attualmente vivo con la pensione di reversibilità di mio marito, neanche 500 euro al mese. Nessuno mi ha mai risposto. E chi ha promesso di farlo, poi non si è più sentito. Le leggi si cambiano, tutto si può fare quando lo si vuole fare. E deve esistere anche un briciolo di umanità.

La donna aveva già provato a chiedere aiuto per ricevere un sussidio o riuscire a trovare un lavoro:

Mi sono rivolta alle istituzioni per avere un lavoro o un sussidio, ma mi hanno risposto che non ne ho diritto. Ma a 50 anni un lavoro non te lo dà più nessuno di questi tempi?

L’Agenzia delle Entrate, però, ha già precisato che

se la signora ha accettato l’eredità, deve pagare il debito del marito perché così prevede la legge. Si accettano attivi e passivi. Per cancellare il debito occorre una legge dello Stato.

Al momento, nonostante i tanti appelli e le lettere scritte destra e a manca, nessuno degli interpellati a dato una risposta o dimostrato interesse nell’aiutare Tiziana Marrone.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO