Qualità della vita Sole24Ore: Trento in testa, Napoli ultima

Seguono Bolzano, Bologna, Belluno e Siena. Per la sicurezza e l'ordine pubblico, in testa Oristano con Pescara e Torino nelle ultime due posizioni. Siena domina nel tempo libero, dove Isernia è maglia nera.

Secondo IlSole24Ore

Il Trentino Alto Adige si merita ancora la palma di regione dove si vive meglio, secondo la classifica 2013 sulla Qualità della Vita, stilata ogni dodici mesi dal Sole24ore. Sono infatti Trento e Bolzano a stare in cima alla graduatoria. Al capo opposto della classifica, desolatamente in 107esima posizione, Napoli e provincia.

L'anno passato, era stata Bolzano la prima, con Trento in seconda posizione. Tra i singoli indicatori, spiccano il numero di start up innovative (15,9 ogni 10 mila giovani contro una media italiana di 2,9) e l'indice di sportività. I voti più bassi riguardano la diffusione di librerie e il costo della casa al metro quadro. A Trento, la disoccupazione è circa la metà della media nazionale, eccellenza nella tutela ambientale e forte specializzazione nella ricerca fanno del capoluogo trentino il posto ideale dove vivere.

Napoli: la situazione è nera. Retrocede di una posizione rispetto al 2012, quando solo Taranto aveva fatto peggio. Il valore aggiunto pro capite è molto contenuto (meno di 15 mila euro contro i 22 mila della media nazionale e i 28 mila di Trento), inferiori alla media anche i depositi bancari per abitante, mentre la spesa è cresciuta pochissimo negli ultimi tre anni. L'ordine pubblico è fortemente a rischio, imprese e mondo del lavoro sono in affanno. I furti d'auto sono 577 ogni 100 mila abitanti rispetto alla media di 1234, non sono da meno altri reati come estorsioni, truffe e frodi. Le donne sono occupate in una percentuale del 24 per cento contro il 47,4 per cento nazionale.

Attenzione, però: qualche indicatore positivo c'è. Napoli è decima, infatti, per dotazione infrastrutturale. Per copertura della banda larga è sul podio, terza. Alto il costo della casa a metro quadro (è 102esima), poco diffuso il volontariato (20 ogni mille abitanti contro una media di 90). Scorrendo le prime posizioni della classifica, dopo le due realtà trentine e altoatesine, al terzo posto c'è Bologna, poi Belluno e Siena. Nella top ten ci sono ancora Ravenna, Firenze, Macerata, Aosta e Milano. In fondo alla classifica, Palermo è penultima e Reggio Calabria 105esima.

Diamo un'occhiata anche alle classifiche dei singoli indicatori. Milano è prima per quanto riguarda il benessere, poi c'è Trieste. In fondo troviamo Messina. Bologna è terza nelle start up, mentre Reggio Calabria è ultima. Trieste brilla nell'area dei servizi, seconda Bologna; in ultima posizione, ecco Crotone. Piacenza si aggiudica per il secondo anno consecutivo la tappa della demografia, Oristano ottiene il voto più alto per l'ordine pubblico e la sicurezza. Pescara e Torino occupano le ultime due posizioni. Siena domina nel tempo libero, a Isernia va la maglia nera.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO