Tempesta Xaver: allerta meteo in Europa. Sale a 10 il conto dei morti (FOTO GALLERY)

La tempesta artica si è abbattuta sul nord dell'Europa. La più grave degli ultimi 60 anni.

La Tempesta Xaver in Europa

20.01 È salito ad almeno 10 morti il bilancio della tempesta Xaver che si sta abbattendo nel nord Europa. Ghiaccio, venti da uragano e pioggia fortissima hanno provocato quattro morti in Svezia, due in Gran Bretagna, tre in Polonia e una in Danimarca. Frequenti i blackout che hanno lasciato al buio migliaia di persone. L'alta marea, che preoccupava soprattutto ad Amburgo, è fortunatamente rimasta ben al di sotto del limite di sicurezza.

La Tempesta Xaver che sta imperversando per il Nord Europa ha provocato la morte di una persona in Danimarca. La vittima è una donna di 72 anni: l'auto su cui viaggiava si è capovolta a causa del forte vento. Tre persone in Polonia sono invece morte schiacciate da un albero. Sempre in Polonia ben 100.000 famiglie sono rimaste senza energia elettrica dalla notte. In Svezia 50.000 abitazioni sono senza elettricità e molte strade chiuse per la caduta di alberi.

Questa mattina la tempesta artica ha raggiunto il Mar Baltico, spostandosi sulle zone di Danimarca, Germania, Svezia e Polonia. La situazione è particolarmente difficile ad Amburgo: il porto e le strade vicine al fiume Elba sono completamente allagate. Era da più di vent'anni che il fiume non raggiungeva l'altezza di sei metri, causando un'allerta massima, soprattutto relativa ai momenti in cui le onde si andranno a combinare con l'alta marea; si pensa che le barriere protettive, comunque, siano in grado di tenere.

Gallery. La Tempesta Xaver in Europa

Anche nel resto delle zone colpite la situazione è critica: voli cancellati, traffico navale e ferroviario interrotto, blackout, alberi caduti, incidenti e problemi alle comunicazioni. La situazione sta invece gradualmente migliorando nelle aree colpite nelle ore scorse: Scozia, Inghilterra, Galles. Il mare però è ancora molto grosso, tanto che nelle regioni del Northumberland, Kent, Ovest Cumbria, Cheshire oltre 15mila persone sono state invitate a lasciare le proprie case.

Potrebbe trattarsi della tempesta più forte che ha colpito il nord dell'Europa negli ultimi 60 anni, da quella, quindi, che nel 1953 causò la morte di oltre 300 persone distruggendo migliaia di abitazioni.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO