Bimbo cade dal terzo piano, ma si salva

Un agente di polizia lo prende al volo: i due sono illesi.

È una storia che ha dell'incredibile quella che arriva da Cantù, provincia di Como: sono da poco passate le 16 quando i passanti vedono un bambino piccolo arrampicarsi sul davanzale della finestra. Le persone si fermano e cercano di fargli di capire di non muoversi, si chiedono dove siano i genitori. Viene chiamato il 118 e il 115. La via si riempie di curiosi, il bambino - figlio di genitori nordafricani - si è appena svegliato, ma il padre è al lavoro e la madre è uscita solo per qualche istante, andando da una vicina.

L'idea migliore però ce l'ha un agente di polizia penitenziaria che si trova già sul luogo, si sistema sotto il davanzale su cui il bambino si trova in bilico e si prepara per prenderlo al volo in caso di caduta. A dargli man forte un imbianchino che stava lavorando proprio da quelle parti. Intanto il bambino cammina sempre più in bilico sul davanzale, tra le urla dei passanti e i tentativi di non spaventarlo ulteriormente. E infatti ciò che tutti temono avviene: ma quando il bambino di tre anni cade, i due uomini sono pronti per prenderlo al volo da un'altezza di circa sei metri.

È l'agente di polizia ad afferrarlo, salvandogli la vita. Lo prende al volo e poi si
accascia per terra con il bimbo tra le braccia. L'ambulanza che arriva per portarli in ospedale è un codice verde, i due sono praticamente illesi. L'impatto tra i due corpi ha provocato qualche escoriazione e bambino e agente sono stati portati in ospedale, ma è solo per precauzione: le conseguenze sono lieve per entrambi.

Nel frattempo arrivano i pompieri e anche la madre del bimbo rientra, ma è tutto finito; può correre in ospedale per riabbracciare suo figlio e ringraziare l'agente di polizia che l'ha salvato.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO