Lampedusa, migranti al freddo in fila per la disinfestazione: il video choc del Tg2

Il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini ha commentato: "È una pratica da lager"

Nel corso dell'edizione del Tg2 di lunedì sera, alle 20.30, è stato trasmesso un video choc, girato da un migrante con un telefonino nel cortile del centro di accoglienza di Lampedusa: si vedono alcune persone in fila, nude e al freddo, attendere la disinfestazione contro la scabbia. Il disinfettante viene loro spruzzato addosso con una pompa.

Le immagini hanno suscitato molto clamore, tanto che proprio il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, ha commentato:


"È una pratica da lager. Questo modello di accoglienza, di cui Lampedusa e l’Italia si vergogna, deve cambiare. Non era quello che ci aspettavamo di vedere appena due mesi dopo il naufragio che ha suscitato lacrime e promesse"

Reazioni indignate da parte del mondo della politica. Questo il commento di Laura Boldrini, presidente della Camera:


"Il trattamento riservato agli immigrati nel Centro di Lampedusa, documentato nel servizio del Tg2, è indegno di un Paese civile. Quelle immagini non possono lasciarci indifferenti. Tanto più perché vengono dopo i tragici naufragi di ottobre e dopo gli impegni che l’Italia aveva assunto in materia d’accoglienza. Quei trattamenti degradanti gettano sull’immagine del nostro Paese un forte discredito e chiedono risposte di dignità"

Amnesty ha chiesto chiarimenti urgenti al ministero dell'Interno:


"I migranti che giungono in Italia, come in qualunque altro paese necessitano di un appropriato esame medico nel loro interesse e nell’interesse del paese ricevente. Ciononostante, la privacy e la dignità dei migranti deve essere rispettata e a nessun migrante dovrebbe essere richiesto e tanto meno imposto di spogliarsi in pubblico"

Angelino Alfano dal canto suo ha già annunciato che saranno accertate le responsabilità di quanto accaduto, e che "chi ha sbagliato pagherà".

Questa operazione di disinfestazione avverrebbe a cadenza settimanale e il filmato sarebbe stato girato il 13 dicembre scorso. Tra le persone sottoposte al trattamento ci sarebbero eritrei, siriani, ghanesi, nigeriani, kurdi e sembra anche alcune persone che sono sopravvissute al naufragio avvenuto il 3 ottobre.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO