Usa: sparatoria in ospedale, due morti e diversi feriti

L'episodio è avvenuto a Reno: l'uomo ha ucciso una persona e poi si è suicidato.

All'ospedale

Sparatoria in un ospedale di Reno, in Nevada, a 300 miglia da San Francisco. Un uomo è entrato, pistola in pugno, nel nosocomio rivolgendo l'arma contro una persona e poi contro se stesso. Il bilancio è di due morti e diversi feriti. L'episodio è avvenuto ieri al terzo piano del Renown Regional Medical. Tra le persone ferite - si parla di due - c'è un medico che è in condizioni gravi.

Gli investigatori hanno bloccato ogni accesso all'area e hanno iniziato gli accertamenti per identificare l'autore e i motivi del gesto. Il vice capo della polizia, Tom Robinson, ha ipotizzato che lo sparatore suicida non abbia mirato a caso: "Non penso che le persone colpite siano state scelte, ma non credo neanche che si sia trattato di qualcosa di casuale".

La sparatoria è avvenuta nel reparto di Chirurgia. Robinson ha aggiunto che, al momento dell'episodio, nel palazzo erano presenti circa cento persone. Gli ufficiali di polizia sono entrati nell'edificio 3 -5 minuti dopo il primo sparo: "Hanno iniziato una ricerca sistematica, piano per piano e stanza per stanza. Al terzo piano sono state trovate le vittime e i feriti. Intanto, l'ospedale è stato fatto evacuare".

Sul posto, sono arrivate 36 auto delle polizia, compresi i veicoli della squadra speciale Swat, che hanno circondato il Renown Regional Medical e chiuso un'area di tre isolati vicino al centro di Reno. Tra le persone che si trovavano dentro l'ospedale c'era anche il senatore Debbie Smith, che ha raccontato: "Ho incontrato alcuni ragazzi della squadra Swat che mi hanno detto che non si poteva entrare e uscire". Meno di due ore dopo la sparatoria, sul sito ufficiale del Medical Centre è stato pubblicato l'avviso del ritorno alla normalità della struttura.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO