Pakistan: vaccinazioni anti polio, volontari scappano dal Paese

Sabato scorso, il capo di un team di vaccinatori era stato ucciso in un agguato dai talebani.

Fuggono i volontari anti polio

I talebani hanno vinto. I volontari anti poliomielite hanno infatti abbandonato in massa il Pakistan, dopo che sabato scorso uno di loro era stato ucciso proprio dagli studenti del Corano. Lo riferisce Geo Tv. Il responsabile operativo del Programma allargato di Vaccinazione (Epi) delle Nazioni Unite, Usman Afridi, ha confermato alla televisione che tutto lo staff dell'Epi e i volontari di 328 squadre hanno lasciato il territorio tribale della Khyber Agency, nel nordovest del Paese.

Sabato scorso a perdere la vita era stato Ghilaf Khan, capo di un team di vaccinatori, ucciso da un commando armato che gli si era avvicinato su moto. I colleghi della vittima hanno giustificato la fuga con il timore per la propria vita. Afridi ha commentato amaramente: "In questo modo, migliaia di bambini resteranno senza protezione contro il virus della polio".

Ghilaf non è stato il primo volontario a essere preso di mira dagli estremisti islamici. Nel solo mese di dicembre, nella Khyber Agency e nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa, altri tre erano stati vittima del fanatismo religioso e di credenze sbagliate (come quella che vorrebbe la vaccinazione come la causa di forme di autismo nei bambini). Pakistan, Afghanistan e Nigeria sono gli unici tre Paesi al mondo a non aver ancora debellato la polio.

Nel mese di novembre, undici insegnanti furono rapiti in Pakistan in una scuola in cui era stato appena somministrato il vaccino. Da quando è iniziata la campagna di vaccinazioni anti - polio, nel novembre 2012, sono stati diversi i casi di violenza, le minacce di morte e le intimidazioni da parte dei talebani, ai danni di operatori sanitari e autorità che hanno permesso le vaccinazioni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO