Nepal: due turisti italiani trovati morti in stanza d'albergo

Le prime ipotesi parlano di morte per soffocamento o asfissia, ma si attende l'esito dell'autopsia.

In Nepal

Due turisti italiani, il 53 enne Luciano Trezza e la 48 enne Rita Melorio, sono stati trovati morti in una stanza d'albergo di Lagan, nel distretto di Kathmandu, in Nepal. Lo scrive il sito del giornale locale myrepublica.com, che cita fonti della polizia. I due erano arrivati nella guest house lo scorso 11 dicembre e l'ultima volta erano stati visti mercoledi mattina dallo staff dell'hotel.

E' stato lo stesso personale dell'albergo a chiamare la polizia, non vedendo più uscire la coppia. La prima ipotesi per il decesso è asfissia o soffocamento. Nella stanza dei due turisti italiani, infatti, sono state trovate tre bombole di gas e utensili per cucinare. Secondo gli impiegati dell'albergo, la coppia era tra i clienti abituali della guest house. Ed era solita cucinarsi i pasti in camera. Tutte le finestre e le prese d'aria della camera erano chiuse o coperte da fogli di carta.

La polizia avrebbe riferito che i due sono stati trovati morti sul letto, come se dormissero. Sembra che gli agenti abbiano dovuto rompere i vetri delle finestre per entrare nella stanza, non riuscendo ad aprire la porta, chiusa dall'interno. I corpi sarebbero già stati trasportati in un ospedale della città per essere sottoposti all'autopsia, che dovrebbe chiarire i motivi della morte.

Si attende inoltre che i parenti arrivino nel Paese per il riconoscimento ufficiale delle salme. Sempre a dicembre, dodici giorni fa, due turisti cinesi erano morti per una fuga di gas a Nagarkot.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO