Somalia: attentato all'hotel, bilancio sale a 11 morti e decine di feriti

L'albergo ospita funzionari e stranieri e non è lontano dal quartier generale delle Nazioni Unite.

Sale bilancio delle vittime

Sale a undici morti e decine di feriti il bilancio dell'attentato dinamitardo di ieri ai danni del Jazira Palace, hotel che si trova nelle vicinanze di Mogadiscio, in Somalia. Nei pressi c'è anche il quartier generale delle Nazioni Unite. Il bilancio è stato fornito dal servizio ambulanze della città. Altre fonti parlano invece di otto vittime. Tre le esplosioni che si sono udite in città.

Secondo informazioni dei media locali, due bombe erano all'interno di un'auto e sono deflagrate una dopo l'altra. Le forze di sicurezza a protezione dell'albergo, uno dei più protetti di Mogadiscio e frequentato da funzionari e da stranieri, hanno immediatamente aperto il fuoco. Un'ora dopo, l'esplosione di un terzo ordigno, come hanno riferito polizia e testimoni locali.

Come nel caso del Kenya, anche questa volta l'azione sarebbe da addebitare agli integralisti islamici di Shebaab, legati ad al-Qaeda. Già alla fine dello scorso anno, il Jazira Palace Hotel fu preso di mira dallo stesso gruppo. Poche ore prima delle tre bombe, un altro attentato aveva avuto come bersaglio l'aeroporto di Mogadiscio, dove si trovano il contingente italiano delle Brigate Folgore, a sostegno di Eutm (European Union Training Mission) Somalia, i rappresentanti della presidenza del Consiglio e l'Ufficio italiano per la Somalia.

L'attacco all'hotel è l'ennesimo duro colpo al fragile governo del presidente, Hassan Sheikh Mohamud, nominato lo scorso anno dal Parlamento con l'obiettivo di provare a ricostruire da zero uno Stato che, dal 1991, è nel caos. L'esecutivo si regge sulle donazioni della comunità internazionale e sul contingente Amisom dell'Unione Africana, forte di 18 mila uomini.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO