Colorado: marijuana legale, assalto ai coffee shop di Denver

Anche tre ore di fila per acquistare qualche grammo della droga. Prezzi altissimi: prima la "maria" costava 25 dollari, ora 70.

Per acquistare marijuana

Assalto ai coffee shop del Colorado dopo la legalizzazione della vendita e del consumo di marijuana in tutto lo Stato americano. Soprattutto a Denver, la capitale del Colorado, si è registrata ressa tra chi, per primo, voleva entrare in possesso di erba. Il tutto mentre alcuni politici sono impegnati nel tentativo di frenare la liberalizzazione.

Il Colorado non è il primo Stato Usa a liberalizzare la cannabis. Nel 1996 è stata la California, solo per scopi medici e dietro ricetta, a concedere questa possibilità. Altri diciassette Stati hanno seguito questo esempio. Nessuno, però, si era mai spinto alla liberalizzazione totale, come deciso invece dai legislatori del Colorado. I coffee shop hanno visto file eterogenee di gente, non solo malati di cancro i reduci di guerra afflitti da sindrome di stress post-traumatico.

Tanti i semplici consumatori di 'maria' che si sono uniti a loro. A Denver, ogni cittadino può arrivare a possedere fino a un'oncia di marijuana, vale a dire 28 grammi. E può coltivare fino a sei piante per uso personale. Sono 37 i negozi specializzati che hanno aperto finora e che permettono l'acquisto. Il Colorado supera anche Amsterdam, che finora era la capitale mondiale della liberalizzazione delle droghe leggere.

L'effetto negativo della nuova legge, in Colorado, è stato l'aumento sconsiderato dei prezzi. Prima, infatti, la cannabis costava 25 dollari, adesso è schizzata a 70 dollari per tre grammi. Si teme la concorrenza dello spaccio illegale che, ovviamente, avrà prezzi stracciati. Mentre Patrick Kennedy, portavoce degli oppositori della legge, ricorda: "La marijuana non è innocua: danneggia il cervello dei giovani, crea dipendenza e apre ad altre droghe. Se non vi sono piaciuti gli effetti di tabacco e alcool, vedrete ora cosa faranno i consumatori di erba".

Chi è in fila a Denver, però, pare di tutt'altro avviso. Come a un concerto di una grande rock star, si fanno tranquillamente tre ore di attesa pur di essere tra i primi a mettere le mani su qualche grammo di "maria". Un business, anche, tanto che il vicino Stato di Washington pare voler seguire l'esempio del Colorado e legalizzare la droga. Senza se e senza ma.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO