Terremoto 7 gennaio 2013: tremano l'Umbria e Colfiorito

Scossa di 3.5 gradi nella notte, gente in strada ma nessun danno.

Paura a Colfiorito

Continuano le scosse di terremoto in Umbria e nel Centro Italia. La notte scorsa, all'1:43, il sisma è stato avvertito nella zona di Colfiorito, nel distretto sismico Colfiorito - Nocera Umbra. Secondo l'Istituo nazionale di geofisica e vulcanologia, la magnitudo è stata di 3.5 gradi Richter, a una profondità di 7,5 chilometri.

L'epicentro è stato localizzato nella zona di Annifo, a cavallo del confine con le Marche. Riporta l'Ingv come i Comuni interessati, nel raggio di 10-20 chilometri, siano quelli di Foligno, Gualdo Tadino, Nocera Umbra, Sellano e Valtopina, e quelli marchigiani di Serravalle di Chienti, Fiuminata, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina e Sefro. L'evento, secondo quanto riporta Blue planet hearth, sarebbe stato avvertito pure alla periferia di Perugia e in tutta la fascia pedemontana appenninica che va dall'Eugubino allo Spoletino. Come nelle Marche, fino a Macerata, Fabriano e nell'Ascolano.

La faglia è la stessa che si attivò nel 1997 e che provocò danni e vittime sia in Umbria sia nelle Marche. Quindi, la paura è stata tanta per la popolazione che è scesa in strada. Un'altra scossa, di minore intensità, è stata registrata sempre nella stessa zona. Domenica 5 gennaio, invece, c'era stato un sisma di magnitudo 2.9 e poi altre repliche nel pomeriggio, tutte comunque sotto i 3 gradi.

La protezione civile ha già effettuato verifiche nelle zone interessate dall'ultima scossa e, fortunatamente, non si registrano danni a cose o persone. In Umbria, però, i residenti hanno paura che lo sciame sismico di queste settimane possa portare a un terremoto molto forte.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO