Metodo Stamina: i documenti del comitato scientifico bocciano Vannoni

"Dosi di cellule staminali adatte ai topi, non agli uomini".

I primi risultati del comitato scientifico del ministero della Salute chiamato a valutare il Metodo Stamina ideato da Davide Vannoni sono tutto tranne che incoraggianti. Ieri la questione dei due diversi protocolli consegnati a Ministero e Spedali Civili di Brescia (solo il secondo contiene la descrizione del metodo per ottenere neuroni dalle staminali, elemento fondamentale del protocollo Stamina che per il Comitato scientifico del ministero è stato impossibile valutare), oggi la notizia che - secondo il comitato - le dosi di cellule staminali mesenchimali indicate nel protocollo Vannoni sono minime, adatte ai topi ma non certo all'inoculazione in un essere umano.

Che cosa significa? La dose utilizzata per i trapianti cellulari nell'uomo e di due milioni per chilogramo di peso corporeo, mentre nel Metodo Stamina si prevede il trapianto di due milioni di cellule, non si parla di adeguamento al peso corporeo. Altre perplessità derivano dal fatto che le cellule sono ottenute in coltura primaria, senza arrivare ai successivi passaggi che di solito si compiono nei laboratori per avere una quantità di cellule adatta all'uomo.

Ancora, gli esperti fanno sapere che il metodo non ha "dimostrato prove di differenziazione cellulare, ossia di trasformazione delle staminali iniettate in neuroni" e non ha rispettato nessun criterio di sicurezza nella produzione e creazione delle cellule. Il che sta a significare che non c'è stata nessuna prevenzione dalle infezioni. Ma più importante di tutto, la metodologia non spiega come si possa ottenere i neuroni dalle cellule staminali.

Tutte valutazioni che preoccupano il ministro Lorenzin: "Ogni giorno emergono elementi inquietanti. Noi avevamo già istituito un comitato scientifico che aveva bocciato Stamina, decidendo che il metodo che ci avevano consegnato non aveva alcuna valenza scientifica e che è pericoloso per i pazienti. Dopodiché, è stato fatto un ricorso al Tar, Stamina Foundation ha vinto questo ricorso e ci stiamo attenendo alla legge istituendo un nuovo Comitato che dovrà dare una nuova valutazione".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO