Pakistan, il ragazzo eroe morto per salvare la sua scuola

Lunedì 6 gennaio Aitzaz Hasan Bangash ha sventato un attacco kamikaze, esplodendo insieme all’attentatore

Aitzaz Hasan Bangash ha scongiurato un’esplosione all’interno della sua scuola e ha pagato questo gesto di coraggio con la vita. Lunedì 6 gennaio Aitzaz è morto nel tentativo di fermare un attentatore suicida che era diretto alla scuola superiore Ibrahimzai della città di Hangu, situata a pochi chilometri dal confine con l’Afghanistan.

Il quattoridcenne pakistano stava andando a scuola insieme a suo cugino. Non lontano dall’ingresso dell’istituto, frequentato da circa duemila studenti, è stato avvicinato da un ragazzo in uniforme che gli ha chiesto dove fosse la scuola.

Aitzaz si è insospettito, ha intuito l’intenzione del kamikaze e gli ha lanciato un sasso nel tentativo di fermarlo e, successivamente, lo ha afferrato. L’attentatore, preso dal panico, ha fatto detonare l’esplosivo. Aitzaz è stato condotto in ospedale, ma a causa delle gravi ferite è morto poco dopo il ricovero.

Le forze di polizia pakistane hanno aperto un’indagine e l’attentato è stato rivendicato dal gruppo radicale islamico Lashkar-e-Jhanvi che vorrebbe ribaltare gli equilibri politici del Pakistan, facendone uno stato sunnita.

L’atto eroico di Aitzaz ha fatto il giro della rete e della stampa nazionale e internazionale. Il padre 55enne sta ricevendo le visite di molte persone e si è detto “felice che il figlio sia diventato un martire, sacrficando la vita per una giusta causa”. Al momento dell’esplosione circa mille ragazzini erano radunati per l’assemblea mattutina e un’esplosione nel contesto dell’assemblea avrebbe potuto mietere decine di vittime.

L’eroico sacrificio di Aitzaz è diventato un trend topic di Twitter con quattro hashtag #onemillionaitzazs, #AitzazHasan, #AitzazBraveheart e #aitzaz che sono diventati “virali” a pochi giorni dalla drammatica fine di questo giovane eroe.

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO