Papa Francesco: elogio di Internet e telefonata alla madre di Elisa Claps

Secondo il Pontefice il web "è un dono di Dio".

VATICAN-POPE-AUDIENCE

Per la 48esima Giornata delle Comunicazioni sociali che si festeggerà il 1° giugno 2014, Papa Francesco ha scritto un messaggio in cui elogia Internet definendo questo mezzo un "dono di Dio" perché offre "maggiori possibilità di incontro e di solidarietà tra tutti" che è una cosa buona.

Secondo Bergoglio i media, aiutandoci a comunicare, ci fanno sentire più vicini gli uomini agli altri e più uniti, tuttavia hanno anche dei risvolti problematici come il fatto che la velocità dell'informazione ormai supera "la nostra capacità di riflessione e di giudizio e non permette un'espressione di sé misurata e corretta".

Inoltre, tra gli altri rischi, c'è quello che la comunicazione ha spesso lo scopo prevalente di indurre al consumo alla manipolazione delle persone e inoltre alcuni media "ci condizionano al punto da farci ignorare il nostro prossimo reale".

Se Papa Francesco, come il suo predecessore Benedetto XVI, è certamente un Papa multimediale che usa Twitter per diffondere i suoi messaggi, è anche vero che probabilmente quando deve usare il computer si appoggia al suo staff, mentre il mezzo di comunicazione che più gli aggrada, come abbiamo potuto notare più volte nel corso di questi suoi primi mesi di pontificato, è certamente il telefono.

Ebbene, due sere fa il Papa ha fatto un'altra telefonata: ha chiamato Filomena Iemma, la madre di Elisa Claps, la ragazza di Potenza che è scomparsa il 12 settembre 1993 ed è stata ritrovata cadavere solo il 17 marzo 2010 nel sottotetto della chiesa potentina della Santissima Trinità. Bergoglio ha detto alla signora Claps di aver ricordato spesso nelle sue preghiere sia Elisa sia il signor Antonio Claps, il padre, malato da tempo e che proprio ieri si è spento.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO