La centrale nucleare di Sellafield chiusa per radioattività oltre la norma

Nel nord-ovest dell'Inghilterra, è la più grande e vecchia d'Europa

L'impianto nucleare di Sellafield, la più grande e vecchia d'Europa, è stata chiusa stamattina dopo che sono stati riscontrati livelli di radioattività al di sopra della norma. Un portavoce ha specificato che la misura è stata presa per la sicurezza dei lavoratori, e in un secondo momento è stato specificato che la chiusura riguarda solo una parte dell'impianto.

È stato deciso un perimetro di sicurezza attorno alla parte nord dell'impianto, e in questo momento tutti gli edifici della centrale vengono sottoposti ad accurati controlli. Non sono state riscontrate prove di incidenti ai reattori o perdite radioattive, ma le ricerche sono ancora in corso per capire le cause dell'anomalia.

Il responsabile delle comunicazioni dell'azienda ha però aggiunto che, per quanto si tratti di un livello oltre la norma, è comunque al di sotto dei livelli d'allarme che richiederebbero procedure di emergenza. Non ci sono quindi rischi per le persone o l'ambiente circostante.

Sellafield è situato sulla costa del mare d'Irlanda, nella regione della Cumbria, e ospita sia un impianto di ritrattamento del combustibile nucleare che la ex centrale elettronucleare di Calder Hall, dotata di un reattore di tipo Magnox. Il sito nucleare ha cominciato a svilupparsi nel secondo dopoguerra, e già nel 1957 e nel 2005 si sono registrati incidenti e perdite di uranio, senza gravi conseguenze. A Sellafield è in progetto anche la costruzione di una stazione per l'energia nucleare.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO