Allarmi bomba a Bologna: in Comune e in Tribunale, ma erano falsi

Due telefonate anonime annunciavano la presenza di ordigni nelle due sedi del Comune e a Palazzo di Giustizia. Uffici evacuati, ma nessun ordigno rinvenuto.

Bologna nel caos questa mattina per i diversi allarmi bomba che sono scattati nelle sedi del Comune e del Palazzo di Giustizia. Una telefonata anonima al 113 ha fatto scattare il doppio allarme, risultato poi falso, nelle sedi del Comune di Bologna, quella storica di Palazzo D'Accursio e quella di piazza Liber Paradisus. A quanto pare, la telefonata era stata fatta da una cabina poco dopo le 8.

Entrambi gli edifici sono stati prontamente evacuati per fare le verifiche. Nella telefonata, infatti, si parlava genericamente di un ordigno che sarebbe esploso in Comune, senza precisare la sede. Sul posto sono intervenuti gli artificieri e i cani anti esplosivo della polizia a Palazzo d'Accursio, dei carabinieri dei nuovi uffici situati in zona Navile.

Nel primo caso i controlli sono terminati intorno alle 9.30, nel secondo intorno alle 10. Si sono rivelati entrambi negativi e i dipendenti hanno potuto fare ritorno negli uffici. Ma in città la situazione non è tornata normale. Con un'altra telefonata, fatta ai Carabinieri, è stata annunciata infatti una bomba pure in tribunale. Anche in questo caso, attività bloccate e intervento degli artificieri. Ma non è stato trovato alcun ordigno.

Va detto che nell'ufficio di piazza Liber Paradisus sono presenti anche alcuni uffici di Equitalia. A ragguagliare sull'intervento a Palazzo D'Accursio, su Facebook, è stato il consigliere comunale del Pd Benedetto Zacchiroli: "Allarme bomba stamattina in Comune, prontamente risolto grazie al fiuto di Happy, cane anti esplosivo. Grazie agli artificieri e alla polizia municipale per l’ottimo lavoro”.

Palazzo D'Accursio

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO