Attentato in Egitto: sei soldati uccisi a posto di blocco

Un gruppo armato ha attaccato i militari, per ora non c'è alcuna rivendicazione. Nella zona, la polizia ha scoperto e fatto esplodere due bombe.

Attentato questa mattina a un posto di blocco nella regione del Delta del Nilo, in Egitto, a nord della capitale del Cairo. Un gruppo armato ha ucciso sei soldati, come riferiscono fonti militari. Pochi giorni fa, più esattamente giovedì scorso, il gruppo qaedista Ansar Beit el Maqdis aveva attaccato a ovest del Cairo, uccidendo un ufficiale dell'esercito e ferendo altri tre militari.

Il livello delle azioni si è alzato in Egitto dopo che Mohamed Morsi è stato imprigionato e i Fratelli Musulmani sono stati dichiarati illegali in Egitto. Diversi gli attacchi alle forze di sicurezza con un bilancio pesante, di 300 miliari uccisi dai gruppi terroristici che affiancano e supportano la Fratellanza. Nella stessa zona dove oggi è stato compiuto l'attentato, la polizia ha trovato due bombe e le ha fatte esplodere.

Un paio di giorni fa, addirittura, si è parlato di un'azione in preparazione contro il massimo rappresentante delle forze armate in Egitto, nonché attuale ministro della Difesa, il generale Abd al-Fattah Khalil al-Sisi. L'uomo forte dell'Egitto, per molti l'unico in grado di riportare l'ordine nel Paese. E probabile vincitore delle prossime elezioni presidenziali, che dovrebbero tenersi entro l'estate prossima.

Al-Sisi, secondo quanto scoperto dall'intelligence russa e da quella egiziana, dovrebbe venire ucciso attraverso un attacco compiuto da missili che, con l'aiuto di satelliti, dovrebbero colpire vari obiettivi, tra cui anche abitazioni, nel centro del Cairo e in altri punti del Paese. L'azione avrebbe la matrice della Fratellanza Musulmana, fuorilegge non solo in Egitto, ma anche in Arabia Saudita.

al-Sisi

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO