Fatebenefratelli, le dicono "Il feto è morto", ma lei non abortisce e partorisce bimbo sanissimo

Una mamma di Roma vuol fare causa all'ospedale per danni morali. Premiata la sua testardaggine con la nascita di un bel bimbo di tre chili e mezzo.

Una giovane mamma di Roma, Maria S., vuol fare causa all'ospedale Fatebenefratelli San Giovanni Calibita perché quando era incinta di cinque settimane è andata al pronto soccorso per alcune perdite ematiche e le hanno diagnosticato erroneamente un aborto interno.

Il fatto è successo il 4 aprile 2013, quando la donna si è presentata al pronto soccorso di ginecologia del Fatebenefratelli dell'Isola Tiberina dopo aver constatato di avere delle perdite ematiche alla quinta settimana di gravidanza. La dottoressa di turno le ha detto che aveva avuto un aborto interno e dunque doveva procedere al raschiamento o all'espulsione usando il medicinale Methergin. La donna, già madre di una bimba di due anni, ha preferito non procedere subito al raschiamento e si è fatta prescrivere il Methergin, ma dopo una notte di riflessione ha deciso di andare dalla sua ginecologa di fiducia, avendo letto su internet che non sempre alla quinta settimana si sente già il battito.

Al pronto soccorso, infatti, l'ecografia era risultata piatta, per questo il medico di turno aveva pensato all'aborto interno, senza auspicare l'ipotesi che, semplicemente, non si sentisse ancora il battito. Quando è andata dalla ginecologa di fiducia, la signora Maria ha deciso di continuare la gravidanza e aspettare di vedere se nelle successive settimane si sarebbe sentito il battito. La donna ha fatto bene a seguire il suo istinto e non i consigli del medico del Fatebenefratelli, perché il 2 dicembre 2013 ha partorito un bambino sanissimo di tre chili e mezzo, dopo una gravidanza e un parto sereni.

Ora la donna vuole citare in giudizio l'ospedale per danni morali perché il reato di tentato omicidio colposo non può essere contestato. Secondo la giovane mamma "non si può precludere la vita di un bimbo innocente per una superficialità. Nei pronto soccorso il personale deve essere altamente qualificato. Non si può sbagliare con la vita".

Fatebenefratelli Roma

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO