Elezioni in Afghanistan: attaccata sede della Commissione elettorale a Kabul

Altre esplosioni nella capitale: preso di mira un Centro di reclutamento dell'esercito afgano. Attentatori kamikaze in azione alla Kabul Bank, con un bilancio provvisorio di due morti.

Attaccata la sede della Commissione elettorale in Afghanistan, a una decina di giorni dalle elezioni che dovranno scegliere il successore di Hamid Karzai. Secondo la polizia, sarebbero stati i ribelli ad attaccare l'edificio a Kabul. In un primo tempo, si era parlato di un assalto alla casa del candidato Ashraf Ghani, ma successivamente le forze di polizia hanno rettificato.

Al momento, come scrive la Bbc, non è chiaro se ci siano vittime. I ribelli avrebbero avuto accesso al compound principale. Non si sa neanche quante siano le persone armate impegnate nell'azione terroristica. Nelle ultime settimane, i talebani hanno più volte fatto sapere di voler boicottare la tornata elettorale e di essere pronti a interrompere le votazioni con ogni mezzo.

Ashraf Ghani - che a quanto pare è comunque nel mirino dei ribelli - è l'ex ministro delle Finanze e funzionario della Banca Mondiale. Si tratta naturalmente di uno dei più seri candidati alla successione di Karzai. A Kabul, questa mattina, oltre all'attacco alla Commissione elettorale, ci sono state altre sparatorie. Una di queste vicino al Parlamento, come hanno riferito le autorità.

Al centro del fuoco dei ribelli il Centro di reclutamento dell'esercito afgano (Ana). Sono stati invece alcuni kamikaze a fare irruzione in una sede della Kabul Bank, nella provincia orientale di Kunar, con un bilancio provvisorio di almeno due morti, che sarebbero impiegati dell'istituto di credito. Al momento, sarebbe in corso uno scontro a fuoco tra gli attentatori e le forze di sicurezza.

Allerta in Afghanistan

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO