Colpi al barcone degli scafisti, la Marina ammette: "Abbiamo sparato"

Aperta un'inchiesta per valutare le regole d'ingaggio dei militari della Aliseo

Lo scorso 9 novembre la nave Aliseo della Marina italiana ha aperto il fuoco contro un barcone di migranti, nel corso dell'operazione Mare Nostrum. È quanto emerge da un video presentato dall'ex deputato radicale Maurizio Turco e dal segretario del Partito diritti dei militari Luca Comellini, e su cui la procura militare ha già aperto un'indagine. E la Marina italiana oggi ha ammesso che "sono stati sparati dei colpi di arma da fuoco" per impedire la fuga degli scafisti.

Questi i fatti mostrati dal video: nel pieno dell'operazione Mare Nostrum, la nave italiana si avvicina a un barcone con a bordo diversi migranti, probabilmente egiziani, e gli scafisti. Questi ultimi cercano di allontanarsi dalla Aliseo, ed è a questo punto che dalla mitragliatrice pesante di bordo parte una prima raffica di avvertimento, seguita a breve distanza da una seconda, con i colpi che sembrano finire in acqua. Poco dopo, il mitra spara otto colpi singoli in rapida successione. La Aliseo si avvicina al barcone e continua a sparare un'altra decina di colpi singoli, che colpiscono l'imbarcazione e rimbalzano sul metallo, a giudicare dal rumore. Il video si chiude qui.

Ce n'è poi un altro, datato 10 novembre, in cui si vede lo stesso barcone trainato dalla nave della Marina militare. Il barcone però imbarca acqua e affonda, forse per i fori dei proiettili. A bordo non c'è più nessuno. Ora su quei colpi si incentrerà l'inchiesta della procura militare, che dovrà capire se gli spari potevano uccidere qualcuno. In questo caso si tratterebbe di "violata consegna" o di "inosservanza delle disposizioni".

A bordo del barcone, si è scoperto poi, c'erano 16 egiziani, arrestati e rinviati a giudizio perché accusati di aver fatto da scafisti portando sulle coste italiane 176 migranti. L'imbarcazione colpita sarebbe infatti la "nave madre", quella cioè che trascinava i vari barconi per poi abbandonarli in prossimità delle coste e darsi alla fuga. La Marina specifica che, prima di sparare, erano stati lanciati avvertimenti anche in lingua araba.

Il filmato è stato presentato stamattina nella conferenza stampa alla Camera organizzata dal Partito per la difesa dei diritti dei militari, ed è subito arrivata la precisazione della Marina, che ribadisce però di aver sparato solo dopo aver avuto "la certezza di non colpire l'equipaggio".
Illegal Immigrants Try To Enter Europe

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO