Brescia, crolla la croce del Cristo Redentore, muore un ragazzo

L'opera dello scultore Enrico Job era stata realizzata nel 1998 per la visita di Giovanni Paolo II

Si è trasformata in tragedia la gita di un gruppo di ragazzi dell'oratorio a Cevo, in provincia di Brescia. La statua del Cristo Redentore – una grande croce ricurva, opera dello scultore Enrico Job e realizzata nel 1998 per la visita di Papa Wojtyla a Brescia – si è spezzata ed è crollata addosso a un ragazzo di 21 anni, che è morto sul colpo. Ferito 31enne che era con lui, mentre sono rimasti illesi gli altri giovani.

L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio, attorno alle 14. Sono intervenuti subito i soccorsi ma non c'è stato niente da fare, mentre il 31enne ferito è stato trasportato in ospedale con l'eliambulanza, non è in pericolo di vita.

Ancora da appurare se il braccio ricurvo della croce si sia spezzato per il cedimento strutturale dei cavi che lo tenevano sospeso o se il giovane abbia provato ad appendersi, provocando la rottura della scultura. L'opera è stata realizzata nel 1998 quando Giovanni Paolo II andò in visita a Brescia nel centenario della nascita di Paolo VI. Eretta originariamente a Brescia, è stata trasportata nell'attuale location in Valcamonica nel 2005. La croce, che raggiungeva l'altezza di 30 metri, con 20 metri di pianta, era stabilizzata contro le raffiche di vento (frequenti, nella zona) da 4 stralli in funi metalliche ancorati al suolo e lunghi rispettivamente 34 e 26 metri.

Il giovane, di cui non sono state rese note le generalità, proveniva da Lovere, in provincia di Brescia.

Foto: invallecamonica.it
crocedelpapa

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO