Invalsi 2014: oggi al via, il calendario, le polemiche e gli scioperi

Sono iniziate oggi le prove Invalsi 2014 con Italiano per la seconda e la quinta elementare. Domani sarà la volta di Matematica. Cobas sul piede di guerra.

Sono iniziate oggi le prove Invalsi (Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione) 2014 con Italiano per 568 mila alunni della seconda primaria e 561 mila della quinta primaria. Si tratta di prove di valutazione che ogni anno vengono accompagnate da polemiche e, quest'anno, anche dallo sciopero indetto dai Cobas. Che, però, non mette in dubbio lo svolgimento dei test.

Pochi giorni dopo lo svolgimento delle prove, sul sito dell'Invalsi sarà messa a disposizione di genitori, insegnanti e alunni una guida che illustrerà come ciascuna domanda a cui gli studenti hanno risposto sia direttamente collegata alle indicazioni nazionali da poco aggiornate. Il prossimo 10 luglio, avremo già un primo rapporto sugli esiti delle prove.

Dicevamo dello sciopero Cobas, che è previsto pure per la giornata di domani. Ma a protestare sono anche i comitati dei genitori, che hanno boicottato la prova organizzando ingressi ritardati per gli alunni di seconda e quinta. E non manca altra benzina sul fuoco delle prove Invalsi. Ci sono infatti 5 mila ragazzi esclusi dalla valutazione perché portatori di handicap (i risultati dei loro test falserebbero l'oggettività del campione). L'agitazione di oggi e domani vuole portare all'attenzione anche la sempre più decisa privatizzazione dell'istruzione italiana, che non piace ai sindacati (l'Invalsi aumenterebbe la competizione tra gli studenti, favorirebbe la privatizzazione stessa, creerebbe una schedatura in ottica del mercato, facendo venire meno uguaglianza e libertà di alunni e docenti).

I Cobas Scuola hanno poi indetto un ulteriore sciopero di professori e personali Ata nella giornata di martedì 13 maggio (riguarderà in questo caso scuole medie inferiori e superiori). Ma questo è un altro discorso che non riguarda specificamente l'Invalsi, su cui torniamo. In totale, saranno due milioni gli studenti che saranno valutati. Oltre a seconda e quinta elementare, coinvolte le terze della scuola media e le seconde delle superiori.

Quest'anno sono esclusi gli studenti di prima media, grazie al collegamento degli esiti Invalsi con l'Anagrafe dello studente: dal prossimo anno scolastico, grazie a questo servizio, sarà possibile fornire i risultati della prova di quinta primaria anche alla scuola media che gli allievi frequenteranno da settembre. Oggi Italiano, domani Matematica. Il prossimo 13 maggio si svolgerà la prova di Italiano e di Matematica per la seconda delle superiori.

Il 19 giugno 2014 eccoci a Italiano e Matematica per la terza media, che fa parte dell'esame conclusivo del primo ciclo d'istruzione. E intanto nel calderone, prossimamente, potrebbe esserci la prova Invalsi anche alla maturità, come fa sapere l'Istituto in un comunicato:

"Da oltre un anno, l'Istituto sta sperimentando modelli alternativi di di prove per il quinto anno delle scuole superiori da proporre al Miur per la loro possibile introduzione".

Le prove sono strutturate in modo differente in base al livello scolastico a cui si riferiscono e vanno da un minimo di 20 - 25 domande per materia per la seconda primaria a un massimo di circa 50 domande, sempre per materia, per la seconda superiore. Il tempo per sostenere le prove: 45 minuti a materia per la seconda primaria, 75 minuti a materia per la quinta primaria e la terza media, 90 minuti a materia per la seconda superiore.

Invalsi 2014

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO