Codice di avviamento postale: cambia in ben 261 Comuni italiani, l'elenco

Da ieri sono operativi 261 nuovi Cap in tutta Italia. I vecchi codici rimarranno in vigore ancora per sei mesi.

La rivoluzione dei Cap, ossia dei Codici di avviamento postale. E' iniziata e finita ieri, con Poste Italiane che ha comunicato il cambiamento in 261 Comuni italiani. Niente paura, però, se avete già inviato una lettera o una cartolina: i vecchi cap resteranno infatti in vigore per i prossimi sei mesi. Il tempo di abituarsi ai nuovi.

Poste Italiane spiega che i nuovi codici sono "finalizzati al miglioramento del trattamento automatico della corrispondenza nella fase di inserimento e di recapito". I nuovi codici sono poi legati alle recenti modifiche amministrative che hanno generato l'istituzione di 26 nuovi Comuni nelle province di Ancona, Arezzo, Avellino, Bergamo, Belluno, Bologna, Como, Ferrara, Firenze, Lecco, Lucca, Mantova, Pisa, Parma, Pesaro-Urbino, Pavia, Rimini, Udine, Varese.

Per conoscere i nuovi codici di avviamento ci si può rivolgere all'Ufficio postale oppure contattare il call center di Poste Italiane al numero gratuito 803.160. O, ancora, si può andare sul sito www.poste.it o controllare la gallery qui sotto.

Nuovi Cap 2014 in 261 Comuni italiani
Nuovi Cap 2014 in 261 Comuni italiani
Nuovi Cap 2014 in 261 Comuni italiani
Nuovi Cap 2014 in 261 Comuni italiani
Nuovi Cap 2014 in 261 Comuni italiani

I Cap sono stati introdotti in Italia nel 1967. L'ultima grande riforma, in Italia, è del 2006 e ha riguardato una serie di nuove località aggiunte, ma anche e soprattutto l'abolizione del Cap generico (xx100) per le città suddivise in zone postali, dove ora è obbligatoria l'indicazione del codice specifico associato a strada e numero civico del destinatario della corrispondenza.

Poste Italiane

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO