India: due ragazze violentate e impiccate, sette arresti

Due cugine di 14 e 15 anni sono state violentate dal branco e poi impiccate a un albero in un villaggio dell'India.

Aggiornamento 31 maggio: Cinque uomini sono stati arrestati per lo stupro delle due cugine indiane di 14 e 15 anni. Altre due persone sono ricercate, ma la polizia dice di avere ormai i loro identikit. Tra i cinque a cui sono state messe le manette ci sono anche due poliziotti. Un ufficiale della polizia dello stato di Uttar Pradesh, ha detto:

"Questi cinque uomini sono i principali sospettati per questo crimine. Altri due sono stati identificati come sospetti e li arresteremo quando avremo ottenuto ulteriori elementi nell'indagine".

Il padre di una delle due giovani vittime ha accusato apertamente la polizia di non aver fatto niente per cercare le ragazze scomparse:

"Un poliziotto mi disse che avremmo trovato le ragazze impiccate a un albero da qualche parte, e quando le abbiamo cercate noi, le abbiamo trovate impiccate effettivamente a un albero".

Ancora violenze sessuali ai danni delle donne in India. Due cugine dalit (cioè, senza casta), di 14 e 15 anni, sono state stuprate da una banda di balordi in un villaggio dell'Uttar Pradesh, che si trova nella zona nordorientale dell'India. Successivamente, le due vittime sono state impiccate a un albero di mango.

Lo hanno comunicato i media indiani, sottolineando che per sette persone, tra cui due agenti, è stato emesso il mandato di arresto. Solo uno è stato eseguito, gli altri componenti della banda sono infatti latitanti. Secondo quanto riferisce l'agenzia Pti, le due ragazzine vivevano nella stessa casa nel villaggio di Katra, ma martedì sera era scomparse misteriosamente.

Gli abitanti del villaggio hanno subito avviato la ricerche, ma le due cugine sono state ritrovate quando ormai era troppo tardi. Erano infatti appese a un albero nell'area di Ushait. Una rapida indagine da parte della polizia ha permesso di fare luce su quanto accaduto. Confermati il rapimento e lo stupro collettivo da parte della banda di malviventi.

Come detto, tra le persone ricercate ci sono anche due agenti, Sarvesh Yadav e Rakshapal Yadav. Tra l'altro, non convince la versione che hanno dato le forze dell'ordine: secondo loro, infatti, le due ragazze si sarebbero impiccate dopo aver subito la violenza. La popolazione, per protesta, ha bloccato per qualche ora la strada Ushait - Lilawan, che i due cadaveri dovevano attraversare per andare all'obitorio. Poi la situazione è tornata calma.

Stupri in India

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO