India, un'altra ragazza uccisa e sfigurata con l'acido

Il fatto è avvenuto a poca distanza da dove sono state violentate e impiccate le due cuginette di 12 e 14 anni.

Non si arresta la violenza sulle donne in India nonostante la grande indignazione provocata dagli ultimi avvenimenti. Nell'Uttar Pradesh, a poca distanza, circa 45 chilometri, dal luogo in cui la settimana scorsa sono state violentate e impiccate due cuginette di 12 e 14 anni, è stato compiuto un altro feroce crimine su una ragazza.

Una 22enne di Bareilly è stata infatti ritrovata nel villaggio di Aithpura, morta e con il volto sfigurato. L'autopsia ha evidenziato che, a differenza delle altre vittime, questa ragazza non è stata violentata, ma è stata costretta a bere acido. Inizialmente la polizia aveva pensato che fosse stata stuprata, invece è stata strangolata e poi sfigurata per renderla irriconoscibile. Il corpo è stato trovato sabato scorso, ma i risultati dell'autopsia sono stati diffusi oggi.

E proprio oggi la polizia ha represso con bastoni e idranti una manifestazione di protesta di centinaia di donne che chiedevano giustizia a Lucknow, la capitale nell'Uttar Pradesh.

Le persone che hanno partecipato alla manifestazione fanno parte del partito nazionalista indù (Bharatiya janata - Bjp) che ha vinto le recenti elezioni federali in conseguenza delle quali è salito al potere come primo ministro Narendra Modi. Lo stato dellUttar Pradesh è governato dal partito regionale Samajwadi.

I membri delle caste più basse non si sentono tutelati dal governo locale e soprattutto le donne sono le principali vittime di crimini efferati che restano il più delle volte assolutamente impuniti. L'indignazione ovviamente non basta, serve una reazione concreta per evitare che altre vittime innocenti muoiano subendo terribili barbarie.

Donne indiane protestano contro la violenza

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO