Foggia, fuga di gas: esplode una palazzina. Due morti e quattro feriti, polemica sulla fuga di gas

La deflagrazione ha sventrato i piani bassi di un edificio del centro storico di Foggia

Aggiornamento 12.09 - L'esplosione è avvenuta poco dopo le 3 di questa mattina: le due vittime, secondo le prime ricostruzioni, non avrebbero neppure fatto in tempo a svegliarsi. Le condizioni dei feriti invece sarebbero buone, come raccontato anche da alcuni addolorati parenti ai media accorsi sul posto.

I coniugi morti nell'esplosione abitavano da poco in quell'appartamento, circa due mesi. E' polemica intanto sulla causa che ha portato all'esplosione, dopo che i tecnici dell'Amgas avevano condotto ieri un sopralluogo senza esito. In molti ora imputano la tragedia proprio all'intervento tecnico, anche se (spiegano all'Amgas) il problema non proviene probabilmente dalla rete gas: l'esplosione infatti sarebbe avvenuta a causa di un rubinetto del gas di una bombola nell'appartamento dei due defunti, utilizzata al posto della rete gas.

Una forte esplosione ha letteralmente sventrato una palazzina nel centro di Foggia, a via De Amicis: questa notte l'esplosione, causata molto probabilmente da una fuga di gas, ha tuonato il centro della cittadina pugliese.

Il bilancio è tragico, due persone hanno perso la vita e quattro sono rimaste ferite: le vittime sono Giuseppina Fiore, 29 anni, e suo marito Luigi Veneziano, 37 anni, entrambi di Foggia. Erano i genitori di uno dei due feriti, un bambino di circa quattro anni che avrebbe riportato alcune fratture e le cui condizioni non sono gravi.
Antonio Morelli, 85 anni, ha invece riportato gravi ustioni, ma fortunatamente non sarebbe in pericolo di vita.

Gli altri due feriti sono una coppia di coniugi che abita al primo piano dell'edifici, i soccorritori ritengono che sotto le macerie non ci siano altre persone.

Tuttavia, secondo le prime testimonianze riportate, la tragedia si sarebbe forse potuta evitare:

"Avevamo chiamato ieri i tecnici dell'Amgas proprio perché sentivamo un forte odore di gas. Ho chiamato l'Amgas intorno alle 19.40. Ho aspettato e ho visto che non arrivava nessuno, ho richiamato e sono venuti. Mi hanno detto che non c'era nessun problema: 'vedi - mi hanno detto - non suona niente, probabilmente sono i fumi della caldaia'. Io ho insistito ma loro mi hanno rassicurato, invece..."

ha dichiarato a RaiNews Salvatore Morese, inquilino del quinto piano della palazzina.

A causa dell'esplosione, alcune auto che erano parcheggiate vicino la palazzina sono state danneggiate

(in aggiornamento)

foggia

Foto | Twitter - Maria Luisa Sgobba

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO