Irlanda, trovata fossa comune nel giardino di un ex casa-famiglia

Ritrovati circa 800 corpi che potrebbero appartenere a bambini

Market-Square-Tuam-Co-Galway

Nel giardino di quella che fu la casa famiglia per ragazze madri di Tuam, contea di Galway in Irlanda, gestita dalle suore Bon Secours, sono stati ritrovati circa 800 resti di corpi umani che hanno tutta l'aria di essere appartenuti a bambini di varie età, in particolare neonati.

A dare la notizia è stato, per primo, il Daily Mail: i corpi sarebbero stati rinvenuti in una vasca di cemento nel cortile accanto la struttura, operativa tra il 1925 e il 1961: secondo i primi rilievi ed i primi riscontri i corpi mostrerebbero segni di sofferenza, come malnutrizione e abbandono, che avrebbero potuto causare la morte di molti di loro, mentre altri sembrerebbero essere periti a causa del morbillo, convulsioni, la tubercolosi, la gastroenterite e polmonite.

La tomba fu lasciata anonima e nessuna lapide o monumento venne eretta a memoria dei bambini defunti, circa 800; il sito cambiò poi destinazione d'uso ed oggi si trova al centro di un quartiere residenziale molto popolato. La scoperta è stata fatta dalla cittadina Catherine Corless, che ha successivamente compilato un rapporto completo di inventario per il quale sarebbero 796 i bambini che sono morti nella casa famiglia.

La donna ha creato un gruppo chiamato dei Children's Home Graveyard Committee, che si pone l'obiettivo di erigere un monumento in memoria dei morti senza nome.

Già in passato, quando era operativa, la casa-famiglia di Tuam faceva molto parlare in paese e non solo: in perenne sovraffollamento, sono molte le descrizioni di abbandono e degrado che si trovano negli archivi storiografici, e giornalistici, della città.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO