Migranti, tre morti e quattro dispersi al largo di Pozzallo [VIDEO]

Al largo delle coste siciliane un incidente durante le operazioni di salvataggio provoca l’affondamento di un natante: cento persone sono tratte in salvo, cinque non ce la fanno

10:32 Sono quattro i migranti dispersi nel Canale di Sicilia: lo si apprende dal comandante del mercantile che ieri ha soccorso il barcone in avaria. Durante il trasferimento sulla nave, in quattro sono caduti dalla scaletta in corda posta tra i due natanti.

aggiornamento ore 09:34 I flussi migratori dal Nord Africa continuano inarrestabile, ma ieri, a differenza dei salvataggi andati a buon fine negli scorsi giorni, le operazioni di salvataggio hanno fatto tre vittime accertate e due dispersi. Nelle acque siciliane si torna a morire.

La dinamica dell’incidente è presto ricostruita: la motonave Norient Star si avvicina al gommone, lo urta e la scaletta di salvataggio buca il natante sul quale si trovano 105 migranti. Alcuni finiscono in acqua, altri si aggrappano alla scaletta e riescono a mettersi in salvo. L’equipaggio getta in acqua centinaia di salvagenti, ma tre migranti non ce la fanno e annegano: quando la squadra di salvataggio li recupera sono già morti. Altri due uomini risultano dispersi, risucchiati dal mare.

Nelle operazioni di salvataggio la motonave è stata assistita da una motovedetta della capitaneria di porto di Malta che, dopo avere gettato alcuni salvagenti, è ripartita per dare supporto a un’altra operazione di salvataggio.

I migranti tratti in salvo sono stati condotti a Pozzallo, dove ad attenderli vi era il personale sanitario di Croce rossa e della protezione civile, oltre alle forze dell’ordine, ai mediatori culturali e al sindaco Luigi Ammatuna che, davanti ai corpi dei migranti che non ce l’hanno fatta, ha dichiarato: “Voglio essere il sindaco della vita non voglio accogliere corpi senza vita, ma gente speranzosa, che ha voglia di lottare per cambiare il proprio destino”.

Nel fine settimana sono arrivati a Pozzallo 600 migranti: 400 sono stati sistemati nel centro di prima accoglienza, i restanti 200 nella masseria Don Pietro di Comiso. Nella sola provincia di Ragusa sono giunto quasi 11mila migranti dall’inizio dell’anno.

Immagine

Foto | Youtube

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO