Usa: ha il viso deturpato dopo aggressione pitbull, bimba cacciata da fast food

Mississippi: bambina aggredita da tre pitbull, una settimana dopo viene cacciata da un fast food perché ha il viso deturpato e spaventa i clienti.

Una storia incredibile arriva dagli Stati Uniti. Una bambina di tre anni, alcune settimane fa assalita da tre pitbull, è stata cacciata da un fast food perché aveva il viso deturpato. La nonna, che era con lei, ha deciso di denunciare l'accaduto sui social network, mettendo in ridicolo il ristorante della catena Kentucky Fried Chicken.

Ma andiamo con ordine. Mentre stava giocando nel giardino del nonno, Victoria Wilcher è stata aggredita da tre cani. I pitbull l'hanno gravemente ferita, lasciandole segni indelebili sulla pelle. Victoria ha perso infatti un occhio e il suo volto è stato irrimediabilmente deturpato. La settimana scorsa, insieme alla nonna, si è recata al fast food dove, incredibilmente, è stata allontanata proprio per il suo aspetto fisico.

Kelly Mullins, la nonna, ha quindi raccontato a una tv locale quanto successo: aveva ordinato al ristorante di Jackson, ma dopo pochi minuti il personale le aveva chiesto di portare via quella bambina, il cui aspetto stava spaventando i clienti. La donna ha descritto l'accaduto anche in un post su Facebook, condiviso da più di 2 mila persone.

La cosa è arrivata fino ai vertici della catena di fast food. Rick Maynard, portavoce di Kfc, ha annunciato che è stata aperta un'inchiesta interna perché

"abbiamo preso molto seriamente l'accaduto, la nostra politica è di avere tolleranza zero nei confronti di azioni irrispettose o irriguardose verso i nostri clienti. E al tempo stesso abbiamo contattato la famiglia per cercare di fare qualcosa di appropriato per questa bellissima bimba".

Victoria

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO