Iraq: azioni aeree Usa, compagnie petrolifere evacuano personale

Barack Obama ha fatto sapere al Congresso che non serve l'ok per iniziare l'azione in Iraq. Pronti droni e raid aerei. E le compagnie petrolifere lasciano il Paese.

Raid e uso di droni per bombardamenti mirati. E' il piano di Barack Obama per riportare l'ordine in Iraq. Il presidente americano ha già fatto sapere che non serve l'ok del Congresso per iniziare un'azione militare a Bagdad e dintorni. Di sicuro, non verranno inviate truppe di terra, ma questo poco importa alle grandi compagnie petrolifere che, secondo la Cnn, stanno iniziando a evacuare il personale in vista degli attacchi dal cielo.

Il Pentagono chiede però a Obama di aspettare, anche se sarebbe tutto pronto. Il generale Martin E. Dempsey, capo dello Stato maggiore Usa, ha fatto sapere che sono pressanti le richieste di intervento da parte del ministro degli Esteri iracheno Zebari: "Ma non è una cosa così semplice, non è come guardare sull'iPhone il video di un convoglio e colpire". Tanto per smentire chi, puntualmente, parla di Stati Uniti che vanno in guerra come se si trattasse di un videogioco.

Obama si trova anche a dover fronteggiare le critiche della destra, che lo accusa di un altro fallimento nella politica estera; l'ex vicepresidente, Dick Cheney, sul Wall Street Journal scrive:

"L'Iraq rischia di cadere nelle mani di un gruppo terrorista islamico e lui parla di cambiamenti climatici. I terroristi prendono il controllo di risorse come mai nella storia e lui gioca a golf".

Premere il pulsante e iniziare la guerra è più di una tentazione per la Casa Bianca. Ieri, Obama ha ricevuto i leader del Congresso, dicendogli in faccia che non serve il loro benestare per cominciare. Gli Stati Uniti hanno cento uomini pronti ad addestrare le forze irachene. E questo sarebbe l'unico aiuto terrestre possibile. Poi inizierebbe il lavoro dell'intelligence: individuare i personaggi chiave dell'autoproclamatosi Stato islamico di Iraq e Siria. I droni a quel punto sarebbero pronti a uccidere. Solo in terza battuta, partirebbero i raid aerei. Questa la strategia della Casa Bianca. Che ha il dito pronto sul grilletto.

Obama

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO