General Motors auto killer: risarcimento milionario per le vittime

General Motors riconoscerà un milione di dollari di risarcimento alle famiglie delle vittime delle auto difettose.

General Motors è pronta a riconoscere un risarcimento milionario per le famiglie delle vittime degli incidenti stradali causati da alcune automobili difettose di Gm. La casa di Detroit ha fatto sapere di voler corrispondere almeno un milione di dollari per ogni decesso: una cifra record che è anche la conferma di quanto General Motors si senta responsabile e di quanto abbia paura di venir travolta da questa situazione.

Ma cosa accadeva alle cosiddette auto killer? Il sistema di accensione si disinnescava all'improvviso, bloccando tutte le principali funzioni del veicolo, dal servosterzo ai freni. La macchina diventata inguidabile. Il piano è stato illustrato dal legale Kenneth Feinberg che ha fatto sapere come il risarcimento riguardi anche le persone gravemente ferite o disabili. Feinberg è lo stesso architetto del programma per risarcire le famiglie delle vittime degli attentati dell'11 settembre 2001.

Il ceo Mary Barra, nelle scorse settimane, ha dovuto chiedere pubblicamente scusa per ciò che è venuto alla luce e per il ritardo con cui si è affrontato il problema. Si è quindi rivolta all'avvocato, che ha detto: "Si tratta di un piano di risarcimenti molto vasto, aperto a un ampio gruppo di persone". Se finora, infatti, Gm ha riconosciuto soltanto 13 vittime causate dalle auto difettose, secondo Feinberg sarebbero almeno 3.500 quelle ad aver subito conseguenze.

In particolare, sono stati i modelli Chevrolet Cobalts a tradire la casa madre e chi li aveva acquistati. "Non c'è alcun tetto massimo ai risarcimenti" ha detto ancora Feinberg. Tutte le persone che presenteranno reclamo saranno rimborsate se ne avranno diritto. General Motors non declinerà la sua responsabilità anche per i casi precedenti al 10 luglio 2009, prima dell'accordo di ristrutturazione che ha salvato Gm dalla bancarotta.

Le domande potranno essere presentate dal primo agosto, per cinque mesi, fino al 31 dicembre di quest'anno. Si vuole chiudere entro il secondo trimestre del 2015. Il piano prevede anche un risarcimento legato alle entrate venute meno a causa della morte di un familiare: 300 mila dollari per il coniuge e 300 mila dollari per ogni figlio a carico. Molto di più percepiranno i sopravvissuti che hanno subito danni fisici permanenti.

La casa di Detroit ha deciso infine il richiamo di altri 7,6 milioni di auto, prodotte tra il 1997 e il 2014. Una situazione che sta innescando tutta una serie di perdite per Gm, sospesa a Wall Street per eccesso di ribasso.

General Motors

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO