Independence Day Stati Uniti: ma è arrivato l'uragano Arthur

L'uragano Arthur, di categoria 2, ha toccato la costa nella Carolina del Nord. Molti spettacoli per il 4 luglio sono stati annullati o rinviati.

L'Independence Day, ossia la Festa nazionale degli Stati Uniti per il 4 luglio, sulla costa orientale rischia seriamente di saltare. E' infatti arrivato puntuale l'uragano Arthur, il primo della stagione cominciata il primo giugno. Allontanandosi dalla Florida, la tempesta ha puntato dritto sulla North Carolina.

A Boston, il tradizionale concerto e lo spettacolo dei fuochi artificiali sono stati anticipati a causa delle forti piogge. Ad Augusta, nel Maine, lo spettacolo pirotecnico è stato rinviato al 2 agosto. Molte città in New Hampshire e New Jersey hanno spostato a sabato o a domenica le iniziative programmate per oggi. Resiste New York. I tradizionali fuochi sponsorizzati da Macy's illumineranno i cieli sull'East River indipendentemente dalle condizioni meteo. Lo ha fatto sapere un portavoce.

Arthur ieri sera era stato classificato di categoria 1 (in una scala fino a 5), ma avvicinandosi alla costa si è rinforzato ed è diventato di categoria 2. I venti soffiano a più di 115 chilometri orari. Toccando la terraferma, tra Cape Lookout e Beaufort, ha incrementato ancora la sua forza. Molti americani - in vista della festività nazionale - avevano deciso di partire per le vacanze. Ma ora, almeno a est degli Stati Uniti, bisognerà tornare precipitosamente a casa.

Naturalmente, erano già stati emessi gli avvisi per l'uragano lungo la costa della Carolina del Nord, fino al confine con la Virginia, e gli avvisi di tempesta tropicale a nord fino a Nantucket Island e Cape Cod, in Massachusetts. Oltre ai venti forti e alle piogge torrenziali, Arthur porterà interruzioni di corrente. Da Beaufort a Dare, fin da ieri sera, era in vigore l'ordine di evacuazione.

Uragano Arthur

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO