Al-Baghdadi, il leader dell'Isil ferito in un raid aereo?

Si attendono conferme, ma per i ribelli iracheni sarebbe un duro colpo.

La notizia del ferimento del leader dell'Isil, Abu Bakr al-Baghdadi, è ancora in attesa di conferme e quindi da prendere con le pinze. Certo è che se fosse vero, potrebbe rappresentare un duro colpo per i ribelli iracheni e magari essere il segnale di una vera controffensiva da parte dell'esercito iracheno (o meglio, da parte degli alleati dell'esercito iracheno che sembra essere allo sbando). Al-Baghdadi sarebbe rimasto ferito nella serata di ieri in un raid aereo nell'Iraq occidentale, vicino al confine con la Siria.

La notizia l'ha data la tv governativa al Sumaria, che si è però premurata di far sapere che "deve ancora essere ufficialmente confermata". Una fonte ha però fatto sapere che al-Baghdadi sarebbe rimasto ferito in un bombardamento aereo compiuto dalle truppe irachene nella città di Qaem, vicino al confine siriano.

Al Sumaria riferisce inoltre che numerosi aerei, nelle stese ore, hanno compiuto numerosi raid con i quali sarebbero stati uccisi numerosi terroristi di Isil.

Il leader dell’Isil è anche noto come “lo sceicco invisibile”, visto che è solito coprirsi il viso con una maschera. Poche le informazioni che circolano sull’uomo, che sarebbe stato un religioso in una delle moschee della città, almeno fino al 2003, quando le truppe Usa hanno invaso l’Iraq. La sua ascesa come leader dei gruppi jihadisti è avvenuta intorno al 2010.

baghdadi

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO