Vicenza, paziente morto dopo intervento al polmone sbagliato: indagati 3 medici

Sarà il perito a stabilire se il decesso sia stato provocato proprio dall'errore umano nell'intervento.

ospedale-bassano-del-grappa

Sono tre i medici indagati dalla Procura di Vicenza per un presunto errore commesso lo scorso 28 giugno nell’ospedale di Bassano del Grappa, dove un paziente di 67 anni, malato di cancro, è deceduto in seguito a un’operazione di drenaggio a un polmone. Quello sbagliato.

L’anziano si è recato nella struttura per quella che doveva essere un’operazione di routine, fatta direttamente in ambulatorio: una toracentesi al polmone malato, un intervento programmato da tempo.

Qualcosa, però, è andato storto. Anziché bucare il polmone destro, quello malato, i medici sono intervenuti sul polmone sinistro, quello sano. Secondo quanto ricostruito, l’anziano ha smesso di respirare subito dopo l’intervento e a nulla sono valsi i disperati tentativi dei medici si rianimare l’uomo: un’ora dopo il 67enne è stato dichiarato morto.

Ora la Procura di Vicenza ha aperto un’inchiesta e indagato i tre medici presenti per omicidio colposo in attesa che venga fatta chiarezza sull’accaduto. L’errore c’è stato, confermato da Antonio Compostella, direttore generale dell’Asl 3:

Abbiamo subito avvertito i familiari. L’errore umano c’è stato, che sia questa la causa della morte non possiamo al momento dirlo. Noi stiamo cercando di capire come sia potuto accadere un errore del genere a tre medici esperti come quelli che stavano praticando la toracentesi al paziente.

Sarà il perito, adesso, a stabilire se sia stato proprio quell’errore a provocare il decesso del paziente o meno o se si sia trattato di una complicazione, sempre possibile, tra i rischi dell’intervento.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO