Tagliacozzo, esplode una fabbrica di fuochi artificiali: tre morti, un disperso

Incidente in località San Donato nell'azienda pirotecnica Paolelli

vigili_fuoco

Aggiornamento 16.50 - Sotto le macerie della fabbrica sono stati trovati i corpi carbonizzati di tre persone, mentre si è ancora alla ricerca di un altro operaio che lavorava nello stabilimento di produzione di fuochi pirotecnici. Altre quattro persone risulterebbero ferite ma in buone condizioni. Secondo quanto riporta l'Ansa l'opificio aveva subito due ispezioni di controllo nel 2011 e nel 2013.

"Sono stato il primo ad arrivare insieme ai carabinieri, ho visto e sentito il terzo botto sul posto: sembrava un terremoto, seguito da una grossa fumata bianca come quella di una bomba atomica. [...] Ho capito al volo che stava saltando la fabbrica. Ho preso l'auto, dimenticando perfino il cellulare, e sono andato di corsa sul posto. I Carabinieri, che in linea d'aria sono vicinissimi, mi hanno raggiunto subito dopo. [...] Questo non è un incidente, la scena è quella di un campo da bombardamento. Non ho parlato per ora con esponenti del Governo o della Regione, ma con la prefettura. Comunque i soccorsi di Vigili del fuoco, Carabinieri, Polizia e Forestale sono stati eccezionali."

E' quanto dichiarato dal sindaco di Tagliacozzo Maurizio Di Marco Testa. Secondo le ricostruzioni sarebbero state due le esplosioni, che hanno poi innescato le colonne di fumo visibili a decine di chilometri di distanza: l'esplosione più distante dall'epicentro è a circa 500 metri e sarebbe stata provocata dal materiale incandescente prodotto dalla prima esplosione.

E' esplosa, pochi minuti fa, la casamatta dell'azienda pirotecnica Paolelli a Tagliacozzo (Aq), in località Poggio Filippo: sul posto sono arrivati i mezzi dei vigili del fuoco, artificieri, carabinieri e polizia.

Si teme che, all'interno della polveriera dove erano presenti sei persone, ci siano delle vittime: tre persone sono già state tratte in salvo, ed è in atto una vera e propria corsa contro il tempo per trovare gli altri tre.

Altri due dipendenti si trovavano invece all'esterno del fabbricato. Secondo le prime testimonianze in azienda si stavano preparando i fuochi artificiali che completano le varie feste e sagre che si tengono in centroitalia nei mesi estivi, ma qualcosa deve essere andato storto. Secondo notizie stampa che escono in questi febbrili minuti nella zona dell'esplosione è saltata la corrente elettrica e sono andate distrutte diverse finestre negli edifici circostanti, mentre il boato si è udito a chilometri di distanza.


(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO