Aereo cade sulla Corsica: era diretto a Terni

Il Piper PA268R stava sorvolando la Corsica quando ha impattato contro le rocce del Monte Muzella. Il pilota e i due passeggeri erano olandesi

Un velivolo Piper PA268R si è schiantato sulle montagne di Balagne, nell’Urtaca, una delle zone più impervie della Corsica, nel nord dell’isola e a una distanza di circa 60 chilometri da Bastia.

Partito da un piccolo aeroporto olandese, il velivolo aveva come destinazione la pista Alvaro Leonardi di Terni, dove ad attendere i due passeggeri vi era un amico che avrebbe dovuto accompagnarli in un giro turistico in Umbria.

Durante il viaggio, però, qualcosa dev’essere andato storto: una manovra azzardata, un improvviso malore del pilota oppure problemi connessi alla pessime condizioni meteo hanno fatto sì che l’aereo si schiantasse ai 1300 metri di altezza del monte Muzella.

Subito dopo l’allarme, i soccorritori corsi hanno cercato di raggiungere il luogo dell’incidente, ma un forte temporale ha reso estremamente difficoltoso raggiungere il luogo dell’incidente e soltanto alle 17, tre ore dopo l’impatto, è stata ritrovata la carcassa dell’aereo con i cadaveri del pilota e dei due passeggeri. Il Piper era partito alle 12:10 e sarebbe dovuto atterrare alle 14:10 in Umbria. Durante il tragitto c’era stato un cambio di programma: il pilota aveva deciso di fare scalo all’aeroporto di Calvi, in Corsica, per fare rifornimento: l’ultimo contatto con il pilota è avvenuto alle 12 quando Luca Budelli, funzionario della pista ternana, ha contattato il pilota olandese per sapere se il volo fosse confermato.

Ora l’esame della scatola nera, da parte degli inquirenti, permetterà di capire i motivi del terribile impatto.

A Seneca II Piper twin engine airplane, used to tr

Via | RaiNews

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO