Canoisti trovano un tesoro di argento sott'acqua nell'astigiano

Nell'astigiano due canoisti trovano un tesoro d'argento sotto il pelo dell'acqua

Bicchieri, tazze, piatti, vassoi, in argento, chiusi in un sacco lasciato sul fondo del torrente Triversa, uno degli affluenti del Tanaro: è questo il tesoro d'argento ritrovato ieri da due canoisti di Villafranca d'Asti, usciti per una gita sul fiume e tornati a casa carichi di preziosi metalli.

I due ragazzi, giovani che stavano festeggiando l'avvenuta maturità scendendo il torrente Triversa: impegnati a scendere in canoa da Asti a Venezia, seguendo il corso del torrente prima, del Tanaro poi e infine del Po hanno trovato l'argenteria al secondo giorno di navigazione, sotto un ponte della strada che collega Tigliole d'Asti e Baldicheri.

Il tesoro, cica 6kg di argento in totale, era contenuto all'interno di un sacco che è stato consegnato ai Carabinieri: tra un anno, qualora nessuno dovesse reclamarne e dimostarne la proprietà, diventerà dei due giovani, che potrebbero così festeggiare la chiusura del primo anno accademico.

Secondo qualcuno il tesoro sarebbe il famoso "tesoro del diavolo": tutto risale al 1988, quando nell'Astigiano un'inchiesta giudiziaria su una setta religiosa facente capo a una "santona" portò all'arresto della donna per truffa. Gli affiliati alla setta, per ottenere il diritto di far parte del gruppo, dovevano liberarsi di tutte le loro cose di valore in quanto "prodotti del diavolo", scrive Il Mattino online.

AUSTRALIA-WEATHER

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO